Cosa fare quando si trova un cane o un gatto abbandonato: numeri utili

Ilaria Pagliaro

Cosa fare quando si trova un cane o un gatto abbandonato: numeri utili

| 21/06/2020
Cosa fare quando si trova un cane o un gatto abbandonato: numeri utili

Sai come agire correttamente nel caso in cui trovassi un cane o un gatto abbandonato? Ecco cosa fare e chi chiamare per prestare soccorso

  • L’estate è il periodo in cui si registra un maggior numero di abbandoni di animali domestici
  • Abbandonare un animale è un reato penale
  • Nel caso in cui si incontri un animale abbandonato è possibile affidarsi ad alcuni numeri utili per prestare il giusto soccorso, che variano a seconda della zona
  • Se l’animale abbandonato presenta delle ferite, occorre chiamare il Servizio Veterinario dell’ASL di competenza territoriale
  • Se invece si incontra un animale selvatico, è necessario contattare il Corpo Forestale dello Stato 

 

Ogni anno in estate il pensiero comune della maggior parte delle persone sono le meritate vacanze ricche di sole, mare e il tanto sospirato relax. Sfortunatamente, questo bellissimo pensiero viene puntualmente accompagnato da episodi deplorevoli, come l’abbandono del proprio cane o gatto.  Secondo le ultime stime, ogni anno in Italia vengono abbandonati oltre 100 mila animali. Questo gesto così vigliacco costituisce un vero e proprio reato, il quale è punibile con l’arresto o sanzioni pecuniarie in base all’articolo 727 del codice penale. Chiunque abbia la sfortuna di assistere a un simile atto criminale ha il dovere di denunciare il responsabile acquisendo tutte le informazioni utili al suo riconoscimento, come il numero di targa dell’automobile.

In base all’articolo, “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze”. Nel caso in cui si assista a degli episodi di maltrattamento, è possibile inviare eventuali segnalazioni sul sito dell’OIPA Italia Onlus.

Cosa fare se si trova un animale abbandonato? 

Non tutti sanno bene come approcciarsi o come capire se un cane o un gatto sia stato effettivamente abbandonato. Di solito, queste povere creature hanno lo sguardo smarrito, sono terrorizzate e non sanno dove dirigersi. In questo caso occorre armarsi di buona pazienza e, se possibile, avvicinarsi all’animale con moltissima cautela, optando per movimenti molto lenti per non spaventarlo ulteriormente e farlo fuggire.

Se possibile, provate a offrire dell’acqua o del cibo. Cercate di conquistare la sua fiducia. Lasciatevi annusare, muovetevi molto poco e mostrate la vostra mano aperta col palmo rivolto verso l’alto come gesto di amicizia. Cercate di controllare se è provvisto di medaglietta o tatuaggio sulla coscia destra o sull’orecchio destro. L’eventuale presenza di un microchip di riconoscimento può essere rilevata solo da un medico veterinario provvisto di apposito lettore. Una volta avvicinato, occorre contattare i numeri di emergenza.

Quali sono i numeri da chiamare?  

I contatti da chiamare dipendono da caso a caso. Analizziamoli uno ad uno. Nel caso in cui abbiate trovato un cane o un gatto abbandonato in città o all’interno di un comune occorre chiamare i vigili urbani appartenenti a quella determinata zona, come le Polizie Locali-Provinciali o Municipali. Per la città di Roma, ad esempio, il centralino è 06 67691. A Torino , invece, occorre chiamare lo 011 0111. Per Milano lo 02 0208, Napoli 081 795 7111. Per tutti gli altri comuni d’Italia, i centralini si possono consultare sul sito delle Pagine Bianche.

L’animale abbandonato, unitamente al verbale della Pubblica Autorità, verrà consegnato alla struttura di accoglienza del territorio competente. Nel caso in cui la persona che l’ha trovato volesse prenderlo con sé, la struttura può predisporre un affidamento provvisorio mentre svolgerà gli accertamenti per stabilire se si è trattato di un caso di abbandono o di smarrimento. Tuttavia, se si decide di accogliere un cane o un gatto abbandonato, prima di farlo entrare in contatto con altri animali che potreste avere in casa, è consigliabile consultare un veterinario, per scongiurare eventuali contagi di malattie trasmissibili e ricevere consigli su un corretto inserimento.

E nel caso in cui un animale abbandonato presentasse delle ferite?

Nell’evenienza in cui l’animale presenti delle ferite, occorre chiamare il Servizio Veterinario dell’ASL di competenza territoriale. I contatti sono disponibili effettuando una ricerca specifica nell’apposita sezione delle Pagine Bianche. Inoltre, è possibile ottenere informazioni utili sul sito del Ministero della Salute.

Ricordate sempre che secondo il regolamento della Polizia Veterinaria (n. 320/1954), questi contatti sono obbligati a intervenire. Poiché si tratta di un Pubblico Servizio, la negazione dell’intervento è denunciabile. Nel caso in cui la povera creatura sia stata abbandonata in autostrada , bisogna contattare il numero di emergenza 112 e chiedere l’intervento della Polizia Stradale.

Bisogna inoltre indicare il nome e la direzione del luogo di ritrovamento assieme a tutte le informazioni che possano aiutare ad identificare il luogo in un modo più preciso, come ad esempio un casello vicino o  il chilometrico posto sui guardrail.

E se si tratta di un riccio, una volpe o qualsiasi animale selvatico?

Possono verificarsi anche casi di ritrovamento di animali selvatici in difficoltà. In questo caso si deve contattare il Corpo Forestale dello Stato al numero 1515. Nel caso in cui vi trovaste in spiaggia, e incontraste qualche animale marino in difficoltà, è possibile chiamare la Guardia Costiera-Capitaneria di Porto al numero 1530. Se l’animale selvatico è ferito o considerato pericoloso, assieme al soccorso è necessario contattare il Servizio Veterinario Azienda USL. In casi particolari – come alberi o cunicoli – si possono chiamare i Vigili del Fuoco al numero 115.

Leggi anche: Chris Van Dorn, il “Batman” che salva gli animali dall’eutanasia

Nel caso in cui si trovassero degli uccellini o dei volatili in difficoltà, è possibile contattare la LIPU, la Lega Italiana Protezione Uccelli che si dedica appunto al soccorso dei volatili in difficoltà: “Se trovi un uccello o un altro animale in difficoltà, puoi portarlo in un Centro Recupero Lipu, dove operatori specializzati, volontari e personale veterinario lo prenderanno in consegna, curandolo dal primo soccorso al rilascio in natura”, si legge nel sito ufficiale dell’organizzazione. Per sapere come prestare un primo soccorso a un volatile in difficoltà vi invitiamo a consultare la pagina LIPU dedicata, mentre i contatti LIPU di emergenza sono disponibili al seguente link.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend