Modena, ruba un accendino e chiede il riscatto: arrestato

Commenti Memorabili CM

Modena, ruba un accendino e chiede il riscatto: arrestato

| 26/09/2020
Modena, ruba un accendino e chiede il riscatto: arrestato

Ruba un accendino pretendendo un “riscatto”

  • Un tunisino di 18 anni si è avvicinato ad un ragazzo sottraendogli sigarette ed accendino
  • La vittima, anche lui di 18 anni, ha deciso di inseguire il ladro perché affezionato allo Zippo sottratto
  • Il tunisino gli ha chiesto un “riscatto” di dieci euro per la restituzione del maltolto
  • Il ragazzo ha denunciato tutto alle autorità
  • Gli agenti di polizia hanno provveduto a identificare e arrestare il giovane tunisino

 

Modena. Un tunisino di 18 anni è stato arrestato per il reato di tentata estorsione aggravata.  Il giovane ha sottratto un accendino ad un coetaneo ed ha chiesto un “riscatto“. Ma partiamo con ordine. In una serata come tante, presso piazza Matteotti un giovane di 18 anni è stato avvicinato da un coetaneo di nazionalità tunisina che gli ha strappato dalle mani un pacchetto di sigarette e un accendino.

Non un oggetto qualsiasi, ma uno Zippo del valore di circa 60 euro, al quale il diciottenne era molto legato. Per questo, la giovane vittima ha deciso di inseguire il tunisino fino a piazza Roma, dove nel frattempo aveva raggiunto alcuni suoi connazionali. Qui, il giovane malvivente ha minacciato il coetaneo con un coltello, chiedendo dieci euro di “riscatto” per riavere indietro l’accendino.

L’intervento della polizia

Ovviamente la vittima ha segnalato il sopruso alle forze dell’ordine, che si sono subito recate sul posto. Alla vista di una Volante della polizia e una pattuglia dell’Esercito, il tunisino e i suoi amici si sono immediatamente dati alla fuga. Grazie alla descrizione del diciottenne, gli agenti di polizia sono riusciti ad individuare e bloccare il malvivente.

Leggi anche: Riesce a truffare una donna che la stava truffando: 87enne fa arrestare finta nipote

Nel corso dei consueti controlli, il ragazzo ha anche cercato di occultare il coltello a serramanico con il quale aveva minacciato il coetaneo, ma i poliziotti hanno prontamente recuperato l’arma, sottoponendola a sequestro. Come precedentemente accennato, gli agenti hanno infine arrestato il giovane tunisino con l’accusa di tentata estorsione aggravata. Per il diciottenne, irregolare e già noto alle forze dell’ordine per attività di spaccio di stupefacenti, è stata disposta la misura cautelare dell’obbligo di firma.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend