Addio a Ezio Bosso, il musicista si è spento a 48 anni

Commenti Memorabili CM

Addio a Ezio Bosso, il musicista si è spento a 48 anni

| 15/05/2020
Addio a Ezio Bosso, il musicista si è spento a 48 anni

Si spegne a 48 anni Ezio Bosso, il compositore e pianista nato a Torino in grado di commuovere l’Italia intera con la musica e la sua tenacia.

  • Morto il celebre compositore Ezio Bosso
  • Il musicista aveva solo 48 anni e lottava contro una malattia neurodegenerativa
  • Bosso conquistò il grande pubblico nel 2016, con la sua incredibile performance sul palco di Sanremo
  • “La musica  è la nostra vera terapia, affermava sul palco dell’Ariston
  • Di recente aveva anche commentato sui social il periodo di quarantena che stiamo vivendo a causa del Coronavirus

 

Addio a Ezio Bosso. Il pianista e compositore che sapeva far emozionare grazie alla sua musica si è spento nella sua casa di Bologna. Nato a Torino il 13 settembre 1971, nel 2011 subì un delicato intervento al cervello per rimuovere un tumore.

Poco dopo, gli fu diagnosticata una malattia neurodegenerativa che lo costrinse a ritirarsi dalle scene lo scorso settembre 2019. “Non posso più suonare”, disse. L’artista ci lascia a soli 48 anni. Nei giorni scorsi, sulla sua pagina Facebook ufficiale, aveva parlato di come stava passando la quarantena causata dal Coronavirus e della voglia di tornare ad uscire per immergersi nella natura e ritrovare il contatto umano.

Chi era Ezio Bosso

“Direttore d’orchestra e compositore, Bosso ha ricominciato una più intensa attività concertistica solo dal 2015, in un crescendo che, dopo aver portato oltre 100.000 spettatori nei migliori teatri con il suo recital per solo pianoforte considerata la tournée di musica classica più importante della storia italiana, lo vede reduce da una lunga serie di trionfi alla testa di alcune delle migliori orchestre italiane e internazionali nella riconquistata veste di direttore d’orchestra, dopo anni di forzata pausa”, si legge nella sua biografia ufficiale.

Leggi anche: “Messaggio di gioia e speranza”: le note di Creep risuonano tra le corsie di un ospedale di Piacenza

Bosso riuscì a conquistare il grande pubblico nel 2016, quando Claudio Conti lo invitò come ospite d’onore per il Festival di Sanremo. Incantò l’intero Teatro Ariston con la sua musica. Al termine della sua esibizione, commosse il pubblico affermando quanto segue: La musica è una vera magia, non a caso i direttori hanno la bacchetta: la musica è una fortuna e soprattutto, come diceva il maestro Claudio Abbado, è la nostra vera terapia.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend