Bruce Campbell vive in un aeroplano dal 1999: ecco perché

Commenti Memorabili CM

Bruce Campbell vive in un aeroplano dal 1999: ecco perché

| 27/04/2020

Le nostre vite sono brevi, ed è importante rimanere flessibili. (cit. Bruce Campbell)

  • Bruce Campbell oggi ha 70 anni e vive in Oregon
  • La sua abitazione, però, non è una casa convenzionale
  • Il signor Campbell vive nella carlinga di un’aeroplano
  • Non ha mai rimpianto la sua scelta, fatta circa 20 anni fa

 

Nel complesso la sua scelta di vita estrema gli è costata oltre 200.000 dollari: già da questo si capisce che non è alla portata di tutti. Non possiamo però negare che il signor Campbell (esatto, si chiama come le famose zuppe in scatola) non ci incuriosisca parecchio. La sua storia è affascinante, in quanto sembra che tutto il suo percorso esistenziale lo abbia portato dov’è oggi. a vivere dentro un aeroplano.

Il signor Campbell non è avaro di particolari quando viene interrogato. I giornalisti lo devono raggiungere in Oregon, a qualche chilometro da Portland, nel folto dei boschi. Infatti è lì che ha fatto trasportare il Boeing 727-200 che ha eletto quale sua abitazione. Da bambino, racconta, era abituato a girare per le basi aeree perché suo padre e sua madre lavoravano entrambe per l’Air Force.

Per questo, spiega, gli aeroplani sono entrati a far parte della sua vita. Non si può nemmeno dire, banalmente, che gli aerei “gli piacciono”. Ancora più semplicemente, essi sono per lui un elemento naturale, congenito, imprescindibile. Da grande Bruce è diventato ingegnere e ha cominciato ad apprezzare le caratteristiche tecniche dei velivoli. Inoltre, ha cominciato ad avere un’immagine un po’ più chiara del suo futuro.

La libertà di avere le ali

Il signor Campbell racconta di aver ben presto capito che alcune esigenze, molto comuni in altri uomini, non gli appartenevano. Non voleva una moglie, né figli: quindi, niente famiglia. Non voleva nemmeno indebitarsi per acquistare una casa, un bene vissuto come un vincolo, un legame. Certo, ma da qualche parte bisogna pur abitare. Così, nel 1999, lui ha optato per un aeroplano. il Boeing che era appartenuto ad Aristotele Onassis.

Leggi anche: Paura di volare? Gli aeroporti più terrificanti e pericolosi del mondo

Non si è mai pentito della sua scelta, afferma. In questi anni ha attrezzato la carlinga per ogni sua esigenza. Usa la cabina di pilotaggio come centro multimediale, uno dei tre bagni originari per le sue necessità, e ha anche fatto installare una lavatrice. Dice che rottamare gli aerei è un vero peccato, uno spreco inaudito. Più di ogni altra cosa, apprezza l’idea di libertà che è insita in una scelta estrema come la sua.

La filosofia di Bruce Campbell è “Non restare in trappola. Se resti intrappolato in scelte che non ti lasciano più margine d’azione, allora le tue opzioni esistenziali diventano molto limitate”.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend