Amare, il gorilla teenager dipendente dallo smartphone

Commenti Memorabili CM

Amare, il gorilla teenager dipendente dallo smartphone

| 20/06/2022
Fonte: Facebook

Il primate rimarrebbe ammaliato dinanzi lo schermo illuminato

  • Amare è un gorilla di pianura orientale residente al Lincoln Park Zoo di Chicago
  • L’animale ha sviluppato una forte dipendenza dallo schermo dello smartphone
  • Pur non possedendone uno, i turisti dello zoo mostrerebbero immagini e video al primate
  • In questo modo Amare avrebbe iniziato ad apprezzare i gadget tecnologici, non potendone più fare a meno
  • Al momento sta seguendo un piano di disintossicazione

 

Oggigiorno, grazie agli sviluppi della moderna tecnologia, l’essere umano sta diventando sempre più influenzabile e dipendente dagli smartphone. Oltre agli adolescenti, però, anche diverse specie di animali rimarrebbero affascinati da questo strumento che per l’uomo è sempre più essenziale.

Tra queste risulta anche Amare, un gorilla di pianura orientale residente al Lincoln Park Zoo di Chicago, Illinois, sempre più ammaliato dallo schermo del proprio. Si, avete capito bene, stiamo parlando di un vero e proprio primate affetto da una dipendenza cronica dai cellulari.

La creatura ovviamente non possiede un proprio gadget tecnologico, ma i frequentatori dello zoo sono soliti mostrare le immagini e video direttamente dai loro telefoni attraverso il divisorio di vetro. Lo scorrere dei filmati e delle foto colorate stregherebbe non poco la scimmia, la quale terrebbe il suo sguardo fisso sullo schermo.

Le maniere forti del personale dello zoo per salvare Amare

Questa dipendenza è diventata così grave per il gorilla che i guardiani dello zoo hanno dovuto aggiungere una corda oltre al divisorio di vetro per tenere le persone lontane il più possibile dall’animale. Inoltre, se qualcuno cerca ancora di mostrare immagini ai gorilla, i custodi del comprensorio saranno chiamati ad intervenire immediatamente.

Secondo gli esperti, Amare verrebbe fortemente distratto dai display luminosi degli smartphone. Al momento, l’intero team dello zoo sta cercando di ridurre la problematica psicologica del gorilla.

Siamo sempre più preoccupati del fatto che gran parte del suo tempo sia dedicato a guardare le foto delle persone. Preferiremmo davvero che Amare trascorresse molte più ore con i suoi compagni di truppa imparando ad essere un vero gorilla“, ha dichiarato Stephen Ross, il direttore del Lester E. Fisher Center for the Study and Conservation of Apes dello zoo.

Secondo l’uomo, infatti, uno dei principali problemi è che le persone trovino la dipendenza del primate un passatempo divertente. Ciò quindi indurrebbe gli spettatori a mostrare ad oltranza filmati ed immagini all’animale senza tener conto che tale azione a lungo andare tenderà a peggiorare il suo stato di salute.

La disintossicazione da smartphone

Tuttavia la notizia positiva è che il gorilla non presenterebbe sintomi di astinenza come depressione o insonnia a seguito di lunghi periodi senza vedere smartphone. Al contrario, la disintossicazione sembra mostrare effetti decisamente favorevoli. “Amare si sta rendendo conto che non vale davvero la pena per lui stare seduto in quell’angolo aspettando che qualcuno si avvicini e gli mostri il suo telefono“, ha detto Ross.

Leggi anche: Quella volta in cui un astronauta si travestì da gorilla sulla Stazione Spaziale Internazionale [+VIDEO]

Amare vive con altri tre gorilla maschi completamente separati da un recinto comprendente un gruppo familiare ed un maschio dominante.

 

 

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend