Treviglio, fugge dal Pronto Soccorso con l’ambulanza: “Non c’erano taxi” [+COMMENTI]

Commenti Memorabili CM

Treviglio, fugge dal Pronto Soccorso con l’ambulanza: “Non c’erano taxi” [+COMMENTI]

| 20/11/2020
Treviglio, fugge dal Pronto Soccorso con l’ambulanza: “Non c’erano taxi” [+COMMENTI]

“Prende in prestito” un’ambulanza parcheggiata fuori dal Pronto Soccorso per tornare a casa

  • Una giovane donna di 23 anni ha “pensato bene” di rubare un’ambulanza per fuggire dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Treviglio
  • Il personale sanitario ha subito allertato il 112
  • Grazie al sistema di tracciamento GPS, alcune pattuglie dei Carabinieri di Treviglio sono riuscite a intercettare il mezzo ad Arcene
  • La ragazza si è giustificata dicendo di non aver trovato un taxi libero per tornare a casa
  • Ora dovrà rispondere del reato di furto aggravato

 

Una giovane donna di 23 anni ha “pensato bene” di salire a bordo di un’ambulanza della Croce Rossa per fuggire dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Treviglio, in provincia di Bergamo.

Intorno alla mezzanotte la ragazza, originaria di Verdello, è uscita dal Pronto Soccorso e si è trovata di fronte un’ambulanza con le chiavi inserite nel cruscotto. Subito dopo, ha deciso di salire a bordo del mezzo e metterlo in moto per tornare a casa. Il furto è stato ovviamente notato dal personale sanitario, il quale ha prontamente allertato il 112 per segnalare l’episodio.

L’intervento delle Forze dell’Ordine

Dopo la segnalazione, la Centrale operativa dei Carabinieri di Treviglio ha dispiegato alcune pattuglie impegnate nel controllo per il rispetto delle norme anti-contagio in vigore a causa del Covid-19. Poco dopo, grazie anche al sistema di tracciamento GPS a bordo dell’ambulanza, i militari dell’Arma sono riusciti ad intercettare la ventitreenne. I carabinieri hanno fermato il mezzo ad Arcene, in via Matteotti.

Dopo alcuni accertamenti, i militari hanno scoperto che nel corso della giornata la giovane aveva già ricevuto un’altra visita carabinieri, i quali erano intervenuti per placare gli animi dopo che la ragazza aveva rotto il parabrezza dell’auto dei vicini per via di un litigio per futili motivi.

Leggi anche: Trani: rubato intero distributore di preservativi [+COMMENTI]

Per quanto riguarda il furto dell’ambulanza dal Pronto Soccorso, la giovane si è giustificata dicendo di non aver trovato alcun taxi disponibile per riaccompagnarla a casa. Ora la ventitreenne dovrà rispondere del reato di furto aggravato, dato che si tratta di un mezzo adibito al soccorso pubblico d’urgenza.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend