Affrontare la sessione d’esame e sopravvivere? Queste app potrebbero fare al caso tuo

Commenti Memorabili CM

Affrontare la sessione d’esame e sopravvivere? Queste app potrebbero fare al caso tuo

| 07/04/2021
Affrontare la sessione d’esame e sopravvivere? Queste app potrebbero fare al caso tuo

Vuoi affrontare la sessione di esami e sopravvivere? Allora dovresti prendere in seria considerazione di affidarti a queste semplici app

  • La sessione di esame è un incubo ogni volta, queste app potrebbero essere di aiuto
  • Bastano piccoli accorgimenti per non arrivare stremati alla fine di ogni sessione
  • Fare stretching
  • Bere a sufficienza
  • Imparare a mantenere la concentrazione

 

Ansia per la sessione d’esame? Muscoli indolenziti, occhi secchi e cervello che pensa a tutto tranne che a quello che si sta leggendo? Di seguito una serie di app che potrebbero aiutarti a sopravvivere alla sessione.

L’App per fare stretching fra un capitolo e l’altro

No, scorrere la bacheca di Instagram alla fine di ogni paragrafo o fare zapping fra i titoli di Netflix dopo una giornata passata sui libri non è uno sport e non aiuterà certo ad eliminare lo stress da esami. 

Se l’idea di sfilarsi il pigiama e indossare la tuta non entusiasma, si potrebbe trovare confortante distrarsi con un po’ di stretching casalingo. Stretching Sworkit, Asana Rebel o Strechlt sono app, semplici e intuitive, che aiuteranno universitari e non a sciogliere i muscoli e alleggerire il cervello. 

L’App per bere 

Sono poche le creature mitologiche che riescono a bere i fatidici due litri di acqua al  giorno. L’idratazione durante la giornata, tuttavia, è molto importante e non va sottovalutata. 

Bere a sufficienza non solo fa bene ai muscoli e alla pelle, ma è un vero toccasana per un cervello alle prese con lo studio intenso. Per questo motivo sono state sviluppate alcune utilissime app che ci ricordano di bere, soprattutto durante la sessione di esami. Water Time o Hydro Coach sono solo alcune che si possono scaricare sul proprio smartphone. 

LEGGI ANCHE: “La petizione degli studenti per chiedere di annullare la maturità 2021”

L’App per la concentrazione 

Uno studio ha rivelato che, in media, si tocca lo schermo del cellulare poco meno di tremila volte in un solo giorno. Vuoi per guardare l’ora, vuoi perché è arrivata una notifica di un qualsiasi social network. Insomma, con il telefono vicino la distrazione è dietro l’angolo. 

Ecco perché sono state create alcune app che valutano il tempo in cui non si tocca il cellulare. In alcuni casi, come ad esempio con Forest, questo viene trasformata in una vera e propria sfida contro sé stessi. 

Si imposta un timer e in quel lasso di tempo non si deve toccare il proprio smartphone. In caso di vittoria si vedrà sbocciare una piantina, mentre in caso di fallimento questa morirà. 

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend