Beve una birra e si ritrova un parassita nello stomaco: la pancia non smette più di crescere

Commenti Memorabili CM

Beve una birra e si ritrova un parassita nello stomaco: la pancia non smette più di crescere

| 09/03/2020
Beve una birra e si ritrova un parassita nello stomaco: la pancia non smette più di crescere
Fonte: Velvet Gossip

Una pancia troppo gonfia

  • Un 60enne ha pensato di placare la sete con una lattina di birra, ma ora la sua pancia non smette più di crescere e preoccupare
  • La giornata era perfetta per rilassarsi e concedersi una bella bevuta, anche se da quel momento sono iniziati i guai
  • I medici del paese in cui vive l’uomo stanno facendo di tutto per risolvere il problema, ma senza grandi risultati

Tutti conoscono la cosiddetta pancia da birra, il pronunciamento un po’ esagerato dello stomaco che viene favorito da una pinta dopo l’altra. Il caso di un certo John è molto simile, ma la bevanda alcolica c’entra fino a un certo punto. L’uomo ha 60 anni, vive in Australia (per la precisione a Melbourne) e sta vivendo un incubo a causa di una semplice bevuta. Non molto tempo fa si trovava in riva a un fiume per una normale scampagnata e aveva portato con sé una lattina di birra. Sole, natura, relax e un pic-nic bucolico.

Questo signore non poteva chiedere di meglio dalla vita, peccato che la stessa lattina sia caduta in acqua. Non è stato un problema per John che ha pensato di poter sorseggiare qualcosa di ancora più fresco. La caduta nel fiume è stato l’inizio dei guai per il 60enne che ha bevuto la birra e si è ritrovato con una pancia che non smette più di crescere e una serie impressionante di dolori addominali. Insieme alla bionda, infatti, ha ingerito un parassita che si trovava in acqua e che ha trovato dimora stabile nel suo stomaco.

Il ricovero inevitabile in ospedale

Ecco perché quest’ultimo si sta gonfiando come se fosse un palloncino. Il ricovero in ospedale è stato inevitabile e i dottori australiani hanno esaminato a fondo il caso, arrivando a una conclusione comune. Per risolvere il problema si è pensato a un intervento chirurgico. Il parassita ha infatti agevolato la formazione di un’ernia e l’operazione è sembrata l’unica strada percorribile. Non ci sono stati problemi con bisturi e quant’altro, peccato che la pancia sia ancora gonfia.

Lo stomaco non gli dà tregua e se anche i dottori hanno fallito non si riesce a capire come affrontare la situazione. John può soltanto convivere col suo malanno e non è certo una consolazione. Sono stati provati anche dei farmaci ad hoc e neanche questi sono in grado di bloccare l’aumento esponenziale dell’ernia. Ecco perché è stato lanciato un appello pubblico a tutto il mondo, possibile che non esista un altro medicinale capace di ridurre queste dimensioni preoccupanti? Si spera di avere qualche aggiornamento incoraggiante nelle prossime settimane.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend