L’innovativa birra a base di sale marino e aragosta: il gusto è sorprendente

Commenti Memorabili CM

L’innovativa birra a base di sale marino e aragosta: il gusto è sorprendente

| 22/04/2020
L’innovativa birra a base di sale marino e aragosta: il gusto è sorprendente

Aragosta e alcol nello stesso prodotto

  • Una birra a base di aragosta non si era mai sentita finora: l’ha ideata un’azienda americana dopo una cena illuminante di due soci
  • L’intuizione giusta, infatti, è arrivata grazie all’assaggio di un panino, visto che le intenzioni iniziali erano diverse
  • Il sapore viene descritto da tutti come l’equilibrio giusto tra la dolcezza del crostaceo e l’acidità del sale

Con il pesce ci sta bene il vino bianco, ma c’è pesce e pesce. Che cosa ne direste, ad esempio, di accompagnare una bella aragosta con un boccale di birra? Per tagliare la testa al toro, un’azienda americana ha deciso di lanciare un prodotto alcolico che è stato preparato proprio con il pregiato e apprezzato crostaceo. La birra a base di aragosta è una peculiarità di una ditta di Newcastle (nello stato del Maine), la Oxbow Brewery, e ha già conquistato moltissimi consumatori.

Perché preparare le birre sempre con gli stessi ingredienti? Deve essere stata questa la domanda che si sono posti in fabbrica. Tra l’altro il nome di questo prodotto ha anche una parte italiana, visto che l’azienda ha scelto di ribattezzarla “Saison dell’Aragosta”, ricavata da una cottura accurata dell’animale in una birra non fermentata.

Aragosta nella birra

Fonte: Mandatory

Le intenzioni iniziali

Il nomignolo in cui c’è una chiara allusione al nostro paese è dovuto al fatto che uno dei soci della Oxbrow Brewery ha voluto omaggiare un collega italiano che lo ha aiutato nella creazione, Giovanni Campari. L’obiettivo iniziale era quello di dar vita a una birra tedesca con poco alcol, frumento e orzo. L’ispirazione giusta è arrivata in seguito a una cena dei due che si sono ritrovati proprio per parlare della novità da lanciare sul mercato.

Leggi ancheRiciclo creativo, la birra fatta di 50.000 lattine di birra usate

I panini all’aragosta serviti dal cameriere hanno illuminato il volto di Campari che ha appunto suggerito di aggiungere il crostaceo. Nonostante qualche perplessità comprensibile, il sale marino ha dato quel tocco in più che ha reso unico e inimitabile il sapore, descritto come il giusto equilibrio tra la dolcezza delle aragoste e l’acidità del sale.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend