La calligrafia del medico è pessima, la paziente pensa di aver comprato un collirio e invece…

Commenti Memorabili CM

La calligrafia del medico è pessima, la paziente pensa di aver comprato un collirio e invece…

| 25/01/2020
La calligrafia del medico è pessima, la paziente pensa di aver comprato un collirio e invece…

La calligrafia di un dottore ha confuso il farmacista e una donna che aveva bisogno di un medicinale per la secchezza oculare

Per Falqui bastava e basta la parola, per altri medicinali bisogna invece prestare attenzione a ogni singola lettera. Lo sa bene una signora scozzese che è finita in ospedale per colpa della calligrafia del medico. La storia è stata resa pubblica da BMJ Case Reports, un giornale scientifico che ha lanciato l’allarme su quanto sia semplice acquistare un farmaco al posto di un altro.

Vitaros e VitA-POS: non sembrano esserci grandi distinzioni e invece sono due prodotti per curare situazioni diverse. La donna aveva bisogno del VitA-POS, una comunissima crema che serve a combattere congiuntiviti più o meno gravi e non solo.

La proverbiale scrittura indecifrabile del dottore, però, ha fatto somigliare la prescrizione più simile a quella del Vitaros, che è una pomata per la disfunzione erettile. La paziente si è fidata e il medicinale è stato portato a casa per essere usato e sconfiggere una volta per tutte la secchezza oculare.

Calligrafia pessima

La calligrafia confusa e pasticciata della persona che ha visitato la donna, una signora residente a Glasgow, ha innescato un problema dopo l’altro.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend