Boji, il memorabile cane randagio “pendolare” che usa i mezzi pubblici [+VIDEO]

Commenti Memorabili CM

Boji, il memorabile cane randagio “pendolare” che usa i mezzi pubblici [+VIDEO]

| 08/10/2021
Fonte: Instagram

La strana storia del cane randagio pendolare

  • Boji è un cane randagio “pendolare”
  • Prende infatti ogni giorno tutti i mezzi pubblici di Istanbul
  • Per questo è diventato una vera e propria star dei social
  • Gli altri passeggeri ormai lo conoscono e lo apprezzano
  • In più l’animale rispetta alla perfezione le regole

 

Boji ormai è una star dei social in Turchia e in tutto il mondo. Di chi stiamo parlando? Di un simpatico cane randagio di Istanbul che di fatto è una sorta di “pendolare”. Per quale motivo? Semplice: non si sa per quale motivo ma ogni giorno usa ogni genere di mezzo di trasporto che gli capita sotto le zampe, dall’autobus alla metropolitana al treno fino a persino il traghetto. Il tutto sotto gli sguardi divertiti degli altri passeggeri che ormai hanno imparato a conoscerlo.

Certo i cani che usano i trasporti pubblici da soli non sono una novità. Già nel 2011 era uscito il caso dei quattro zampe che prendevano la metropolitana di Mosca. Per non parlare di Eclipse, il famoso cane che si sedeva sugli autobus di Seattle. Eppure in entrambi i casi gli animali usavano un mezzo di trasporto specifico con cui avevano familiarizzato. Il cane randagio pendolare Boji, invece, li continua a cambiare e così si muove nella città turca in piena autonomia.

Il quattro zampe pendolare fa anche trenta km al giorno

Non è chiaro a dirla tutta se l’incrocio tra un Sivas Kangal e un cane pastore abbia capito che usare i mezzi è molto più conveniente che camminare per ore ed ore. Eppure ormai lo fa da così tanto tempo che la municipalità locale ha persino creato un profilo per lui su Instagram. In questo modo chiunque nel mondo può seguire le avventure del cane randagio pendolare.

Leggi anche: Le persone sono invidiose della fantastica chioma di questo cane

A Boji hanno anche installato un microchip controllato dalle autorità per cercare di capire quale sia il suo percorso. Ebbene dalle analisi del tracking usa soprattutto la linea del tram T1, ma non disdegna nemmeno la M4 della metropolitana. In base a queste informazioni si è visto come si ferma in almeno ventinove stazioni della metro ogni giorno e alcuni dei suoi viaggi raggiungono fino a trenta km. E pensate che è anche molto più educato di tanti pendolari “umani”. Dà infatti sempre la precedenza ai passeggeri che scendono ed entra per ultimo. Ma chissà se paga il biglietto.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend