Cannoni spara-pesci: dal Canada una scorciatoia per i salmoni

Laura Bellucci

Cannoni spara-pesci: dal Canada una scorciatoia per i salmoni

| 02/07/2020
Cannoni spara-pesci: dal Canada una scorciatoia per i salmoni

Il Canada sperimenta l’uso dei cannoni spara-pesci per lanciare i salmoni sull’altra sponda dei fiumi

  • I cannoni spara-pesci sono dei tubi con un diametro di 150 metri sperimentati dal governo canadese
  • Questi tunnel sono stati progettati per lanciare i salmoni sulla riva opposta dei fiumi durante il viaggio per la loro riproduzione
  • La bizzarra idea nasce come soluzione all’ostruzione di un passaggio del fiume Fraser, causata da una frana
  • In passato, il governo canadese aveva addirittura tentato di trasportare i pesci sugli elicotteri
  • Non solo fenomeni naturali: dighe e cambiamento climatico minacciano la sopravvivenza di questi animali

Mettete dei salmoni nei vostri cannoni. Per tutti quelli che si sono fermati agli anni Sessanta, è giunta l’ora di aggiornare il vostro motto. Il motivo? Gli innovativi strumenti brevettati dal governo canadese: i cannoni spara-pesci. No, non stiamo parlando di un parco divertimenti progettato per il sollazzo della fauna ittica. Si tratta di un bizzarro espediente che verrà utilizzato per facilitare la riproduzione dei salmoni. Questi animali intraprendono un lungo viaggio, durante il quale risalgono le correnti per tornare nel luogo dove sono nati e deporre le uova. Questo permette loro di assicurare la continuazione della specie. Insidie come dighe, inquinamento e perdita di biodiversità, tuttavia, minacciano la loro sopravvivenza. Da qui, l’utilizzo dei cannoni spara-pesci.

Nuotavo a cento all’ora

La brillante trovata del governo canadese nasce come soluzione a un problema di vecchia data. A dicembre 2018 una frana naturale ha provocato la caduta di enormi massi dalle pareti di un canyon. Il fiume Fraser, nella Columbia britannica, è così diventato invalicabile per i salmoni. Con l’aiuto di biologi e scienziati, le autorità sono ricorse a droni, trivelle e dinamite per risolvere l’annosa questione. Sforzi che si sono rivelati vani. E così, a mali estremi estremi rimedi: si è arrivati addirittura a trasportare i salmoni in elicottero. Inspiegabilmente, però, i pesci non hanno gradito la cosa. Tanto che sono giunti sulla riva opposta del fiume estremamente debilitati.

Leggi ancheIn Canada c’è una biblioteca dove i gattini girano liberi e, se vuoi, ne puoi adottare uno

Così, l’intuizione geniale non è tardata ad arrivare. Anche noti come Whooshh Passage Portal, i cannoni spara-pesci hanno un diametro di 150 metri e lanciano i salmoni a una velocità di 8 metri al secondo. I tunnel saranno installati lungo le pareti del canyon e permetteranno ai salmoni di raggiungere sani e salvi l’altra sponda del fiume. La sudata ricompensa una volta giunti a casa? Non così allettante, in realtà. Dopo aver nuotato per oltre 1000 km, essere stati sparati attraverso un cannone e aver deposto le uova, i salmoni si lasceranno morire. Insomma, tutt’altro che un viaggio su cui buttarsi a pesce.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend