Si ferma al casello Telepass e un altro gli suona: finisce in rissa [+COMMENTI]

Commenti Memorabili CM

Si ferma al casello Telepass e un altro gli suona: finisce in rissa [+COMMENTI]

| 13/08/2021

Pugni e morsi in corsia Telepass

  • Un’attesa troppo lunga al casello del Telepass è sfociata in rissa
  • Il guidatore dell’auto ferma in coda ha infatti suonato il clacson a quello davanti
  • Quest’ultimo non l’ha presa bene, è sceso e lo ha preso a pugni
  • Poi ha messo la retro andando a tamponare la vettura che lo seguiva
  • Infine ha morso la mano all’altro automobilista che tentava di fermarlo

 

L’incubo di ogni automobilista che percorre l’autostrada: la sbarra che non si alza al casello. Da questo piccolo problemino ne è nato uno molto più grande: una vera e propria rissa in prossimità della corsia Telepass sulla A4 a Latisana, in provincia di Udine. Un uomo di cinquantanove anni ha preso a pugni e morsi un altro signore di quarantatré anni.

Il motivo? Il primo era fermo da qualche secondo di troppo al casello ed il secondo gli aveva suonato un colpo di clacson, probabilmente indispettito dall’attesa. Il conducente della Volvo che si trovava davanti alla Lexus, tuttavia, non ha gradito affatto il fatto che gli si mettesse fretta. Così è sceso dall’auto e si è avvicinato con fare minaccioso.

La rissa tra i due automobilisti

Una volta raggiunta la macchina, ecco che è partita la rissa nel bel mezzo della corsia riservata agli utenti Telepass. Prima gli ha sferrato qualche destro dal finestrino, colpendo il quarantatreenne al volto, e poi si è allontanato per rimontare in macchina. Il conducente della Lexus, però, è sceso a sua volta per raggiungerlo ed evitare che si allontanasse, intenzionato a sporgere denuncia.

Anche in questo caso il cinquantanovenne non si è mostrato particolarmente amichevole, anzi. Ha ingranato la retro ed è finito contro il paraurti anteriore dell’auto dell’altro uomo. Questo, fortunatamente, è riuscito a scansarsi per tempo e si è avvicinato al finestrino anteriore della Volvo aperto. Da qui si è aggrappato al volante, facendo sterzare la macchina in modo che il suo aggressore si trovasse in “trappola” e non potesse più avanzare.

Leggi anche: In autostrada col monopattino: “Vado a un colloquio”, sanzionato

Dopo i pugni anche i morsi al casello del Telepass

Ma non è finita qui. Vedendosi piombare una mano dentro l’auto, il cinquantanovenne ha ben pensato di darle un bel morso e di rifilare un pugno alla mano “superstite”. Soddisfatto del risultato e con “l’avversario” KO si è allontanato velocemente. Sul posto sono giunti un equipaggio della Polizia Stradale e i sanitari del 118 per medicare il quarantatreenne. L’uomo, a cui è stata diagnosticata una prognosi complessiva di quaranta giorni, ha presentato querela per quanto gli è accaduto.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend