Divorzia e fa causa al figliastro chiedendo un risarcimento per averlo cresciuto

Commenti Memorabili CM

Divorzia e fa causa al figliastro chiedendo un risarcimento per averlo cresciuto

| 03/07/2022
Fonte: Pexels

Una richiesta che ha suscitato molte polemiche

  • Sta facendo discutere la richiesta di un uomo
  • Ha infatti fatto causa al figliastro dopo aver divorziato dalla madre
  • Ha chiesto 5000 euro di risarcimento per averlo cresciuto
  • Ciò ha scatenato l’indignazione degli utenti
  • Il giudice alla fine gli ha dato torto

 

È diventata virale sui social scuotendo le coscienze di tanti la controversa storia di un uomo che ha fatto causa al figliastro dopo il divorzio dalla madre, chiedendo un risarcimento per averlo cresciuto. Pochi mesi dopo aver divorziato dalla moglie, infatti, un uomo di Chongqing di nome Tang avrebbe portato in tribunale il figliastro Liu, chiedendo circa 5000 euro come risarcimento per il denaro speso per crescerlo durante il matrimonio. Tang ha sposato la madre di Liu nel 2009, quando il ragazzo aveva 10 anni, e l’ha aiutato a crescere fino al 2021, quando la donna ha chiesto la separazione. A quel punto Tang ha deciso di intentare una causa contro il figliastro, certo che i suoi soldi siano stati spesi male.

La singolare disputa legale ha scatenato l’indignazione dei milioni di persone che hanno guardato il video del processo sulla piattaforma cinese Sina Weibo, simile a Twitter. La maggior parte di coloro i quali hanno commentato ha accusato Tang di essersi vendicato sul figliastro dopo il fallimento del suo matrimonio e di non essersi mai preso cura di lui come un genitore dovrebbe. Una persona ha scritto: “Tang ha iniziato ad aiutare a crescere Liu una volta sposata la madre di Liu. Ora Tang vuole indietro i suoi soldi, questo sembra più un attacco di rabbia dopo il fallimento del suo matrimonio”.

Ecco qual è stata la sentenza

Un’altra ha sostenuto: “Anche dopo aver cresciuto il bambino per 10 anni, non sembra che lo abbia mai trattato come un figlio. È così triste”. Alcuni si sono chiesti se, secondo la logica di Tang, sarebbe ragionevole per la sua ex moglie chiedere un risarcimento per la sofferenza psicologica che probabilmente ha subìto durante il loro matrimonio. A parte le opinioni degli utenti, com’è finita la vicenda? Alla fine il tribunale locale di Chongqing ha respinto la richiesta di Tang, stabilendo che le spese per cui chiedeva un risarcimento erano state pagate volontariamente.

Leggi anche: Vuole l’affidamento del cane dell’ex: “Andrò in tribunale, l’ho curato io”

Il giudice che presiede il tribunale ha dichiarato: “Tang ha scelto di sostenere Liu, pur sapendo di non avere la responsabilità legale di pagare i suoi studi universitari in quanto Liu aveva raggiunto i 18 anni”. In Cina, infatti, i ragazzi sono legalmente adulti una volta compiuti i 18 anni e non ci si aspetta più che i genitori coprano le loro spese di vita.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend