Perché non ti chiama? Le gravi conseguenze del “ghosting”

Commenti Memorabili CM

Perché non ti chiama? Le gravi conseguenze del “ghosting”

| 15/09/2021

Cos’è il “ghosting” e quali sono le sue conseguenze?

  • Il “ghosting” consiste nel porre fine a una relazione senza alcun preavviso
  • Il partner semplicemente smette di rispondere ai messaggi, alle telefonate e scompare dai social, come un fantasma
  • Il termine è stato coniato nel 2015 dopo che il New York Times lo ha descritto come il comportamento assunto da Charlize Theron dopo che l’attrice scoprì il tradimento del suo allora fidanzato Sean Penn
  • Praticare o subire il ghosting può portare a gravi conseguenze a lungo termine
  • Ecco i consigli degli esperti per evitare questo fenomeno e imparare ad affrontarlo

 

Il termine “ghosting” deriva dalla parola inglese “ghost” (fantasma) ed è molto popolare: questo comportamento consiste nel porre fine a una relazione tagliando ogni contatto con l’altra persona senza alcuna spiegazione, e le conseguenze sono più gravi di quanto sembri.

Nell’odierna cultura degli incontri online, il ghosting è un fenomeno che circa il 50% degli uomini e delle donne ha sperimentato e un numero quasi uguale lo ha praticato almeno una volta.

Come è nato il termine

La storia dietro la nascita del termine è davvero curiosa. “È stato coniato nel 2015. Il ‘New York Times’ riferì che l’attrice Charlize Theron aveva scoperto che il suo fidanzato di allora, l’attore Sean Penn, le era stato infedele e mise fine alla sua relazione con lui in questo modo. Smise semplicemente di vederlo, interruppe ogni comunicazione con lui e non rispose mai più alle sue telefonate. Lo stesso anno, il dizionario Webster scelse “ghosting” come parola dell’anno. Da quel momento in poi, questo termine è diventato virale e ora questa parola è usata per definire questo tipo di rottura”.

Le conseguenze del ghosting

Per molte persone, il ghosting può provocare la sensazione di una mancanza di rispetto, di essere stati usati e gettati via. Se poi la persona che pratica ghosting è andata oltre qualche appuntamento, allora può essere ancora più traumatico. Quando qualcuno che amiamo e di cui ci fidiamo si allontana da noi, si percepisce una sensazione di profondo tradimento.

Il ghosting può spesso portare ad un aumento dei sentimenti di ansia, sensi di colpa e minore autostima per tutte le persone coinvolte, sia che siate voi a fare il ghosting sia che siate voi ad essere “ghostati”. Mentre può salvarci da un conflitto immediato, gli studi hanno dimostrato che può effettivamente portare a ulteriori problemi a lungo termine.

Come uscirne

“Prima di tutto, sappiate che non ha niente a che vedere con voi, che questa persona è mezza perversa o narcisista, ama solo se stessa e lo fa per codardia, paura della vostra reazione o egocentrismo”, ha affermato la psicologa Lara Ferreiro. In ogni caso, ti ha mandato un messaggio estremamente forte che dice: “Non ho quello che serve per avere una relazione sana e matura con te”.

Il primo passo dovrebbe essere quello di accettare questo per il bene della salute mentale. “Concentratevi sulla vostra vita e non pensate al perché l’ha fatto perché non lo saprete”. Inoltre fissate dei limiti se ritorna. “Circondatevi di persone che vi amano, concentratevi sull’aumento della vostra autostima e se non riuscite a superarla da soli, affidatevi ad uno psicologo esperto”.

C’è un modo alternativo al ghosting?

È importante essere diretti e onesti sulle proprie intenzioni, e far sapere all’altra persona che non si è interessati. Detto questo, bisogna essere gentili nella scelta delle parole evitando di incolpare l’altra persona o di usare insulti per esprimere il proprio punto di vista, cosa che può far degenerare la situazione. Piuttosto, mantenetevi brevi e semplici.

Leggi anche:  Il lato oscuro della Body Positivity: cosa c’è di sbagliato

Tenete a mente che il rifiuto non è sempre ben accolto, ma va bene così. Se l’altra persona si arrabbia, evitate di alimentarla o di discutere. Quando questo accade, la cosa migliore da fare è mantenere la calma e terminare la conversazione. A volte lasciare che l’altra persona abbia l’ultima parola può salvarci da un’inutile angoscia.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend