I corvi provano rancore verso chi li maltratta: possono creare “alleanze vendicative”

Commenti Memorabili CM

I corvi provano rancore verso chi li maltratta: possono creare “alleanze vendicative”

| 05/09/2022
Fonte: Pexels

Un nuovo studio ha scoperto che i corvi ricordano i volti degli umani che li hanno minacciati o maltrattati, e questi ricordi durano per tutta la loro vita

  • Una recente ricerca ha scovato una particolare abilità nei corvi
  • Questi volatili sono dotati di una memoria straordinaria
  • Tuttavia, sono anche in grado di “covare rancore”
  • Se un singolo corvo sperimenta un’associazione negativa, se ne ricorderà
  • Inoltre, farà in modo che anche gli altri membri dello storno reagiscano in modo negativo

 

I corvi e i loro “parenti” – tra cui cornacchie, gazze e ghiandaie – sono rinomati per la loro intelligenza e per la loro capacità di prosperare in paesaggi dominati dall’uomo. Questa capacità può avere a che fare con le abilità sociali delle specie incrociate. Nell’area di Seattle, dove la rapida crescita suburbana ha attirato una fiorente popolazione di corvi, i ricercatori hanno scoperto che questi uccelli sono in grado di riconoscere i singoli volti umani. Il dottor John M. Marzluff, biologo della fauna selvatica dell’Università di Washington, ha studiato i corvi e le cornacchie per più di 20 anni e si è chiesto a lungo se queste creature potessero identificare i singoli ricercatori.

In precedenza, i volatili catturati sembravano più diffidenti nei confronti di particolari scienziati, e spesso erano più difficili da prendere“Pensai: ‘Beh, è una seccatura, ma non è davvero un ostacolo per il nostro lavoro’. Ma poi pensai che avremmo dovuto testarlo direttamente”, ha detto il dottor Marzluff. Per testare il riconoscimento dei volti degli uccelli separatamente da quello dell’abbigliamento, dell’andatura e di altre caratteristiche umane individuali, il dottor Marzluff e due studenti decisero di indossare delle maschere di gomma. Marzluff definì “pericolosa” una maschera da cavernicolo e, in un deliberato gesto di generosità civica, una maschera di Dick Cheney come “neutra“. I ricercatori con la maschera pericolosa intrappolarono e legarono sette corvi nel campus dell’università di Seattle.

I corvi covano rancore verso chi li tratta male

Fonte: Pexels

Amici o nemici? I corvi non dimenticano mai un volto

Nei mesi successivi, i ricercatori e i volontari continuarono a indossare le maschere nel campus, questa volta percorrendo i percorsi prescritti e senza disturbare i volatili. I corvi non avevano dimenticato. Cominciarono a spaventare le persone con la maschera pericolosa con una foga maggiore, anche quando la maschera era coperta da un cappello o indossata a testa in giù. La maschera neutra, invece, provocava poche reazioni. Questo effetto continuò a persistere e si moltiplicò nei due anni successivi. Indossando la maschera pericolosa  in una recente passeggiata attraverso il campus, il dottor Marzluff ha detto di essere stato intimidito da 47 dei 53 corvi che ha incontrato, molti di più di quelli che avevano sperimentato la trappola iniziale.

I ricercatori pensano che i corvi siano in grado di imparare a riconoscere gli esseri umani minacciosi da entrambi i genitori e dagli altri membri del loro stormo. Questo comportamento aggressivo dei corvi fa sì che i volatili inesperti imparino indirettamente a riconoscere una persona pericolosa. I volatili possono associare il volto di quell’individuo al pericolo e reagire di conseguenza. In seguito, il dottor Marzluff e i suoi studenti decisero di testare l’effetto con maschere più realistiche e una mezza dozzina di volontari. La reazione a una delle maschere pericolose fu “abbastanza spettacolare. Gli uccelli erano davvero rabbiosi, gridavano con insistenza ed era chiaro che non erano arrabbiati per qualcosa in generale. Erano arrabbiati con me, ha raccontato un volontario, Bill Pochmerski, un manager di una compagnia telefonica in pensione che vive vicino a Snohomish, Wash.

I corvi covano rancore verso chi li tratta male

Fonte: Pexels

Corvi arrabbiati = “Gli uccelli” di Alfred Hitchcock

“Quando frequentavo la scuola di specializzazione, vivevo in un quartiere di Seattle dove la presenza e i movimenti di una persona in particolare erano sempre annunciati da stormi di corvi. Corvi arrabbiati e urlanti. In un modo un po’ perverso, l’uomo sembrava quasi godere della loro attenzione. Faceva frequenti riferimenti al film horror di Alfred Hitchcock, “Gli uccelli”, mentre i corvi gracchianti volteggiavano o gridavano dalle linee elettriche vicine”, ha raccontato il dottor Marzluff.

Quest’uomo, in preda a una rabbia alimentata dal testosterone, aveva sparato e ucciso un corvo appena nato qualche anno prima. Al contrario, il direttore del laboratorio in cui lavoravo mentre mi stavo laureando era ben noto ai corvi del campus. Ogni mattina portava con sé una manciata di cibo e ne faceva cadere qualche boccone alla volta lungo il suo percorso dal parcheggio al laboratorio. Ovviamente, la scia veniva seguita da stormi di corvi, ma questa volta il loro comportamento era drammaticamente diverso: erano più silenziosi, addirittura amichevoli. Si aspettavano uno spuntino”.

I corvi covano rancore verso chi li tratta male

Fonte: Pexels

Corvi rancorosi e vendicativi: eterni “Angry Birds”?

Il nostro studio mostra che la memoria di questi animali dura almeno cinque anni e continua a durare. Anche se i corvi soffrono un’alta mortalità in età giovanile, quelli che raggiungono l’età adulta possono vivere a lungo. I singoli corvi adulti possono vivere 15-40 anni in natura. Probabilmente ricorderanno le associazioni importanti per gran parte della loro vita, ha osservato il dottor Marzluff.

Poiché i corvi adulti sono altamente territoriali, la loro conoscenza di esseri umani pericolosi e di altri nemici dovrebbe durare solo fino a quando i volatili esperti rimangono in vita e nello stesso territorio, a meno che gli stormi vicini non stiano imparando a conoscere i potenziali nemici osservando i loro simili. Si pensa che tale “apprendimento sociale” sia limitato agli esseri umani e a pochi altri animali sociali. “Questi sono tutti compiti cognitivi avanzati mostrati solo da pochi animali. Credo che ciò permetta a questi animali di poter vivere con noi in modo molto più sicuro ed efficace, ha concluso il dottor Marzluff.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend