Nasconde cosmetici di contrabbando in un fantoccio per far finta che sia suo figlio

Commenti Memorabili CM

Nasconde cosmetici di contrabbando in un fantoccio per far finta che sia suo figlio

| 21/01/2020
Nasconde cosmetici di contrabbando in un fantoccio per far finta che sia suo figlio

Una donna è stata fermata alla frontiera in Africa con un fantoccio “costruito” con tantissimi cosmetici da smerciare in gran segreto

Il trucco c’è ma si vede: è propio il caso di scomodare e ritoccare questo modo di dire per parlare di un incredibile caso di cronaca che si è verificato in Uganda, per la precisione al confine con il Congo. La vicinanza tra i due stati africano ha richiesto un controllo doganale e i responsabili di queste perquisizioni non avrebbero mai pensato che dei cosmetici potessero creare problemi.

Le autorità ugandesi si sono trovati di fronte una donna che voleva portare a tutti i costi nel paese una serie di prodotti di bellezza che sono vietati per legge, un contrabbando che da queste parti sta prendendo sempre più piede. Ovviamente non voleva dare nell’occhio e ha pensato che un normale travestimento sarebbe bastato per passare e tirare un sospiro di sollievo.

Un bimbo troppo fermo

La signora era a bordo di un autobus di passaggio e aveva in braccio un bambino molto strano. La scena avrebbe intenerito qualsiasi persona poco attenta ai dettagli, fatto che sta che il piccolo era un po’ troppo immobile e “deforme” per essere un neonato intento a schiacciare un sonnellino. I doganieri del posto hanno un profilo Twitter molto attivo e hanno mostrato delle foto eloquenti.

La didascalia è tutto un programma: “Alcuni contrabbandieri non smettono di farci divertire con le loro trovate”. Fortunatamente l’hanno presa bene, anche perché la malvivente è stata bloccata appena in tempo e le varie creme e tubetti sono stati bloccati. La vicenda ha fatto il giro del mondo e il bizzarro stratagemma utilizzato è stato approfondito in ogni aspetto.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend