Danno e beffa: multata perchè ha timbrato il biglietto della Metro (ma non c’era l’inchiostro)

Commenti Memorabili CM

Danno e beffa: multata perchè ha timbrato il biglietto della Metro (ma non c’era l’inchiostro)

| 20/01/2020
Danno e beffa: multata perchè ha timbrato il biglietto della Metro (ma non c’era l’inchiostro)

Una piccola “storia all’italiana” che dimostra che – se il crimine non paga – l’onestà manco dà il resto.

Sull’Italia e gli italiani esistono un gran numero di luoghi comuni che noi – nella nostra vita quotidiana – cerchiamo disperatamente di sfatare. Degli italiani si dice che siano pigri, indolenti, che non abbiano voglia di lavorare e che preferiscano ricorrere ad espedienti più o meno leciti. Si dice anche che siamo poco attenti alle regole – degli imbroglioncelli, insomma – che quando possono cercano di aggirare la legge.

E per “legge” non si intendono le grandi effrazioni – quelle ad esempio perpetrate da chi evade al Fisco centinaia di migliaia di euro – ma anche i piccoli mezzucci a cui si ricorre ogni giorno per risparmiare un po’. Ad esempio, alzi la mano chi – almeno una volta da ragazzino – non ha preso l’autobus o il treno senza timbrare il biglietto, o magari senza averlo nemmeno acquistato. Chiaramente non giustifichiamo in nessun modo chi non paga il biglietto: ricordate che si danneggia la comunità!

Al momento dell’arrivo del controllore, diventava tutto un fuggi – fuggi. Sul treno un valido rifugio era il bagno, dove ci si poteva rinchiudere fino al passaggio del temuto addetto FS (creando una fila chilometrica fuori, il più delle volte). Sul bus l’unica alternativa era buttarsi fuori dalle porte a soffietto alla prima fermata. Ma che dire della metropolitana? Lì sopra non c’è scampo.

Il biglietto della Metro

Chi vive in una città dotata di servizio sotterraneo di metropolitana, sa bene che non c’è modo di salire senza biglietto. All’ingresso, infatti, bisogna passare attraverso dei tornelli che si aprono solo se si infila il biglietto nell’apposita fessura. Il biglietto esce dall’altra parte con un timbro. Sul timbro sono riportati ora e data. Quindi non si scappa, il biglietto non si può nemmeno riutilizzare.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend