“Date un nome a questo soldato, ed esplodono le mine”

  • Share

Nelle guerre, le mani vengono usate ingiustamente per premere il grilletto. I pollici, invece, indossano una divisa ed un casco, e si gettano in prima linea. Voi, invece, avete combattuto degnamente a suon di commenti. 

Storicamente, le guerre non hanno mai portato a qualcosa di buono. In ogni battaglia, le vittime sono innumerevoli da entrambe le fazioni, e i superstiti rimangono segnati in modo indelebile dalle atrocità viste coi propri occhi. E tutto questo per cosa? Per ipotetici ideali, e per proteggere la propria famiglia, anche a dispetto di eliminarne un’altra. Ma al giorno d’oggi, dove di ideali ne son rimasti ben pochi, l’unico modo per arruolare soldati è uno solo: promettere loro depositi enormi di cibo. Infatti, come è possibile amare con lo stomaco vuoto? Esatto, è impossibile.

Introduzione a parte, possiamo notare all’interno dell’immagine diversi elementi che vale la pena analizzare. Il viso dell’uomo non mostra segni di rimorso riguardo al trovarsi in quella determinata situazione, mostra anzi una curvatura della bocca alla “Me Cojoni” per aver visto l’incredibile buffet al lato opposto del campo di battaglia. La bandiera alla spalle riporta la dicitura “USA”, che non è un paese, ma l’acronimo di “Unità Salsicce d’Assalto“. Le stelle sul telo blu sono semplicemente un tributo ai pan di stelle, unici veri amici nei momenti difficili della vita.

Vi abbiamo chiesto di trovare un nome che meglio potesse accompagnare il simpatico figuro in foto, e i commenti sono arrivati con la solita raffica di proiettili ben assestata. Li abbiamo raccolti e abbiamo selezionati i migliori. Ridendo e scherzando, anche su temi come la guerra, volevamo però ricordarvi una cosa: l’unica guerra in cui si vince, è quella che non si combatte. Eccovi i commenti serviti con fastidio:

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE (AKA CLICCA ORA, ALTRIMENTI SARAI USATO COME CESTO DA PIC-NIC ESPLOSIVO): Il cliente non ha sempre ragione, ha sempre ragione chi ha il ferro.

Comments

comments

Articoli correlati