Descrivete questo individuo, e la situazione si infiamma.

  • Share

Certi fuochi vanno spenti immediatamente, prima che causino dei danni. Altri, invece, vanno accesi. Per cucinare le costine sul barbecue, ad esempio. Vi abbiamo chiesto di descrivere questo individuo ed il suo operato, e i vostri commenti sono stati la carbonella che ha fatto incendiare il vaso.

Il Vigile del Fuoco è uno dei mestieri sicuramente più coraggiosi e rinomati in tutto il mondo. Il rispetto dietro a queste figure è immenso, portato dal fatto che ogni giorno rischiano la vita per salvare i propri simili da incendi apparentemente inestinguibili. Riguardo a questo signorotto in divisa, il dubbio sorge spontaneo: spegnerà davvero i fuochi o li appiccherà per cucinare qualunque cosa gli si ponga davanti nell’arco di 10 km? Non possiamo avere tutte le risposte, ma le salsicce puntualmente sparite dalle case che andavano a fuoco sembrano un indizio più che compromettente.

La situazione è tesa, così come la divisa dell’uomo. Al livello della cintura è possibile ammirare l’imminente curvarsi dello spazio-tempo, che a livello teorico potrebbe generare anche un altro Big Bang, secondo “La teoria del burro”. Non vi è traccia di combustione né nell’edificio in secondo piano, né all’interno del metabolismo dell’uomo, e ciò rende la situazione decisamente controversa. Dalla posa, è possibile osservare la massima rappresentazione dell’inattività dell’essere umano, che esiste ma non esiste, che sembra fare, ma in realtà non fa. Un po’ come le foto delle ragazzine su Instagram, per tirare un esempio a caso.

Per completare l’opera definitivamente, vi abbiamo chiesto di descrivere questo individuo e il suo operato, ciò che secondo voi starebbe facendo e ciò che potrebbe fare nel caso scoppiasse sul serio un incendio. I commenti hanno iniziato a zampillare senza controllo, e li abbiamo sapientemente raccolti stando attenti a non scottarci. Eccoveli serviti su un vassoio d’argento:

 

GUARDA ANCHE: Date un nome a questa band, e la situazione finisce male.

 

Comments

comments

Articoli correlati