Distanziamento sociale: anche gli animali lo rispettano

Commenti Memorabili CM

Distanziamento sociale: anche gli animali lo rispettano

| 16/05/2020
Distanziamento sociale: anche gli animali lo rispettano

E lo fanno da sempre

  • Il distanziamento sociale in versione animale: prevenzione? No, inclinazione naturale
  • Gatti in paziente attesa e un caso di errore nella matrice
  • Distanziamento tra persone e animali che che rispettano le regole umane
  • L’isolamento degli animali malati e il cambio di abitudini è praticato in molte specie, come scimpanzé e api
  • Altre immagini di distanziamento sociale e le distanze tra cane e gatto

 

La pandemia di Covid-19 ci ha insegnato il concetto di distanziamento sociale: lontani da internet, TV e giornali, anche molti animali sembrano aver recepito le direttive dei vari governi e si sono adattati a trascorrere il loro tempo rigorosamente distanziati. Forse l’avrebbero fatto lo stesso, ma trovare così tanti esseri dotati di code intenti a fare la coda farebbe pensare il contrario.

Tra gli animali a rispettare le distanze di sicurezza ci sono diversi volatili, inclusi i gabbiani, rigorosamente posizionati con il becco rivolto nella stessa direzione, uccelli non identificabili ed un gruppo di anatre, schierate a distanza di sicurezza, ma a portata di ala l’uno dall’altro.

Maestri del distanziamento sociale sono sicuramente i gatti, ripresi in fila fuori da case, negozi e anche sulle panchine di un parco, che farebbe pensare però più a qualche errore nella matrice o semplicemente a quattro gatti in fila, senza resto.

Code in coda

Molto meno casuale sembra però essere il distanziamento sociale rigorosamente rispettato da gatti, cane e piccione che si sono messi in fila tra gli umani, rispettando rigorosamente le distanze e attendendo il proprio turno negli spazi contrassegnati. Mantenere le distanze è però qualcosa che non avviene solo in città o in mezzo agli umani: anche nel bel mezzo della natura sembra che il distanziamento sociale funzioni.

Leggi anche: Grossi, colorati e con le ali: i cappelli che in Cina aiutano a mantenere le distanze di sicurezza a scuola

Molto prima di noi, gli animali spesso prendono le distanza dagli individui malati di un gruppo che potrebbero infettare gli altri. Alcune specie cambiano anche le loro abitudini per evitare di ammalarsi, come accade tra gli scimpanzé e le api. Tra cani e gatti invece non si tratta di solito di salvarsi dalle malattie, ma proprio solo di salvarsi. Di solito a fuggire sono i gatti, almeno secondo lo stereotipo. C’è chi scommetterebbe una vita su sette per dimostrare che non sia così.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend