La crociata del dottore contro chi si mette le dita nel naso: “Rischiate di morire”

Commenti Memorabili CM

La crociata del dottore contro chi si mette le dita nel naso: “Rischiate di morire”

| 14/03/2019
La crociata del dottore contro chi si mette le dita nel naso: “Rischiate di morire”

Le dita nel naso sono un viziaccio che accomuna proprio tutti: per un medico canadese i pericoli per la salute sono sottovalutati

Secrezioni di consistenza solida e liquida che si formano nelle narici. La definizione educata e completa non rende l’idea, meglio chiamarle semplicemente caccole. Alzi la mano chi non si è mai infilato le dita nel naso. Non è certo il gesto più elegante, ma c’è la convinzione che polpastrelli e unghie riescano ad arrivare dove neanche il miglior fazzoletto può.

Si comincia da bambini e si prosegue inevitabilmente da adulti: la scoperta delle “pepite” avviene soprattutto quando si pensa di non essere visti, magari quando la macchina è ferma davanti al semaforo. Perché tutte queste descrizioni accurate di un gestaccio così poco igienico? C’è un medico americano che sta portando avanti la propria crociata personale contro gli “scaccolatori seriali”.

L’allarme lanciato dall’esperto otorinolaringoiatra Erich Voigt è molto serio. L’indice o il pollice che esplorano le narici possono sembrare qualcosa di innocuo, in realtà per questo dottore si rischia addirittura di morire. L’uomo ne è convinto, non è importante quello che si fa con il muco raccolto, l’operazione di scavo è sempre pericolosa per il nostro organismo e bisogna fare prevenzione.

Dita nel naso e rischi

Le persone maggiormente a rischio sono quelle che hanno il coraggio di ingurgitare le caccole, una pratica non così rara come si potrebbe pensare. Lo stesso discorso vale per coloro che cercano in maniera forsennata un posto sicuro in cui appiccicare la schifezza rimasta sul dito. Cerchiamo di capire se il monito del dottore statunitense ha qualche evidenza scientifica.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend