Droni controllori: la voce del sindaco apostrofa chi è in strada senza motivo

Commenti Memorabili CM

Droni controllori: la voce del sindaco apostrofa chi è in strada senza motivo

| 25/03/2020
Droni controllori: la voce del sindaco apostrofa chi è in strada senza motivo

Dai lanciafiamme ai droni: calma e sangue freddo caratterizzano i primi cittadini italiani.

  • Pare che a Messina il fatto di dover restare a casa non sia stato ancora recepito da molti cittadini
  • Il sindaco Cateno De Luca ha deciso di usare i droni
  • Non solo sorveglieranno i passanti, ma emetteranno anche un pacato messaggio registrato

 

La pandemia da Covid-19 ha costretto molti governi mondiali ad adottare misure estreme. Per frenare il contagio dilagante da Coronavirus, infatti, le città sono state letteralmente blindate. Non solo è vietato uscire: la stragrande maggioranza degli esercizi commerciali, tranne quelli essenziali, sono chiusi. Non si può andare da un comune all’altro, se si esce per una passeggiatina con il cane non ci si può allontanare per più di 200 metri dalla propria abitazione.

droni

Fonte: Commenti Memorabili

Se la maggior parte dei cittadini ha accettato di buon grado queste restrizioni, ci sono sempre alcuni dissidenti che continuano a comportarsi in modo un po’ troppo audace. I sindaci delle varie città italiane hanno deciso, ognuno a proprio modo, di correre ai rimedi. Come dimenticare le amorevoli parole del presidente della Regione Campania Vincenzo de Luca, che ha promesso i Carabinieri con il lanciafiamme a chi viola le regole?

Stavolta ci spostiamo in Sicilia, a Messina, dove un altro De Luca ha deciso di usare lo stesso aplomb per colloquiare con i suoi cittadini. Parliamo di Cateno De Luca, sindaco di Messina, il quale ha deciso di sposare l’uso dei droni nella sua città. Solo lunedì l’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) ha consentito l’uso di questi piccoli velivoli telecomandati per sorvegliare le città in quarantena da Covid-19.

Dove ca**o state andando

L’uso dei droni per la videosorveglianza dei cittadini è sempre stato molto dibattuto, in quanto potrebbe violare diverse normative inerenti la privacy. In questo regime di emergenza sembra però essere un mezzo utile per verificare se c’è ancora chi viola le leggi restrittive imposte dal governo. Il sindaco di Messina, esibendo orgogliosamente la sua trovata, ha fatto sapere su Facebook che intende anche “personalizzare” il servizio.

Leggi anche: Quarantene Disagiate: i migliori scatti degli italiani ai tempi del Coronavirus

Non solo i droni pattuglieranno il centro cittadino, ma diffonderanno anche un delizioso messaggio del primo cittadino. Ecco le parole “Sul mio territorio non si passeggia. Non si esce! Questo è l’ordine del sindaco De Luca e basta: vi becco a uno a uno. Dove ca… vai, torna a casa. A calci in c… ecco il modo per far applicare le norme”. Come resistere ad un eloquio così amabile?

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend