È possibile conservare i ricordi e i contenuti del cervello, ma l’effetto collaterale è terribile

  • Share

La società californiana Nectome ha un’idea ben precisa, quella di non permettere ai ricordi di scomparire per sempre al momento della morte di una persona.

Il presente è il futuro di ieri. E proprio qualche anno fa si pensava che in questi anni si sarebbe vissuto come in un film di fantascienza. E ci siamo quasi, perché la tecnologia sta facendo passi da gigante.

Macchine che parcheggiano da sole, computer con cui potersi collegare in ogni parte del mondo, delle lenti a contatto che permettono di emettere raggi laser dagli occhi, cellulari che sembrano più pc tascabili e robot che lavorano ed interagiscono come se fossero esseri umani. Siamo già ben lontani da ciò che potevamo fare solo qualche anno fa.

Siamo andati avanti e ora possiamo dire di vivere in una società super tecnologica e decisamente innovativa. Perché le idee tecnologiche continuano a susseguirsi senza sosta, lasciandoci spesso a bocca aperta per quello che si riesce a creare e a poter fare.

Si possono conservare i ricordi?

 

Se ora siamo a questi punti cosa può accadere in futuro? Per esempio potrebbe succedere di conservare i ricordi e i contenuti del cervello di una persona deceduta. Vediamo i dettagli.

 

Comments

comments

Articoli correlati