Cari Millennials, l’emoji 😂 è da vecchi

Commenti Memorabili CM

Cari Millennials, l’emoji 😂 è da vecchi

| 07/11/2022

Poveri Millennials: l’emoji che ride non la usa “nemmeno mia madre”

  • Su TikTok è avvenuto uno scambio di opinioni tra diverse generazioni
  • La Generazione Z, nati dopo il 1996, ritiene che la faccina che ride/piange è utilizzata da vecchi
  • I Millennials sono i maggiori utilizzatori di questa emoji
  • Sono molte le mode e manie che i giovani non tollerano della Generazione X
  • Tutta questione di educazione tecnologica e dell’uso letterale delle emji da parte dei Millennials

 

Chi non usa quotidianamente la faccina che ride/piange (😂) per commentare i messaggi? E’ il modo più veloce e immediato per dire che qualcosa fa “sbellicare dalle risate”, l’emoji per eccellezza per i Millennials. Ma da quanto è emerso in un confronto su TikTok, questa faccina sarebbe troppo vecchia per la Generazione Z, utilizzata da persone “ormai vecchie”. Un vero smacco per quelli nati tra il 1981 e il 1996.

Per molti Gen Z-ers, l’emoji con il teschio (💀) è diventata il sostituto più utilizzato per trasmettere la risata. È la versione visiva della frase “sto morendo dal ridere”. Altre alternative accettabili e accettate dai giovani? La faccina che piange con la bocca aperta (😭) o semplicemente scrivere “lol” (ridere ad alta voce). Non provate nemmeno a pensarci, cari Millennials: anche l’emoji che “si rotola dal ridere” (🤣) è completamente fuori moda.

Gen Z Vs Gen X

Viso con lacrime di gioia“, il nome ufficiale dell’emoji che ride/piange, è attualmente quella più usata su Emojitracker, un sito web che mostra l’uso di emoji in tempo reale su Twitter. È anche in cima alla lista di Emojipedia, ma non solo. Nel 2017, Apple ha detto che questa faccina era la più popolare negli Stati Uniti. Ma allora, perché è così out tra i giovani? Semplice. Essendo stata utilizzata tantissimo per anni e anni, i Gen Z-ers vogliono modi nuovi e freschi per segnalare che stanno ridendo di qualcosa. Insomma, i “vecchi” risultano pure banali.

Ma quali sono le peculiarità della cultura dei Millennials che ora sono considerate out dalla Gen Z? Sicuramente i jeans skinny (considerati come “da incendiare”), la riga dei capelli laterale (decisamente più cool quella in mezzo) e, sì, l’emoji che ride/piange. Walid Mohammed, 21 anni ha detto chiaramente: “Ho smesso di usarla da un po’ perché ho visto persone più grandi che la usavano, come mia madre“.

Questione di educazione tecnologica

I Gen Zers – nati dopo il 1996 – sono cresciuti in un periodo in cui internet era già onnipresente e spesso nel palmo delle loro mani. Molti Millennials, invece, si sono lanciati nel mondo delle emoji e del gergo di internet non attraverso gli sms o i social network, ma attraverso AOL Instant Messenger. Ere geologiche “tecnologiche” fa, insomma.

Leggi anche: Usare le emoji aiuta ad avere successo negli appuntamenti galanti, lo rivela uno studio

Più nello specifico, le vecchie generazioni tendono ad usare le emoji letteralmente, mentre i giovani diventano più creativi. La Generazione Z ama assegnare significati particolari e personali alle emoji, che poi si diffondono e si ampliano attraverso i social media. Per esempio, l’emoji che indossa un cappello da cowboy (🤠) e quella di una persona semplicemente in piedi, sono entrambi arrivati a significare imbarazzo.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend