Startup usa l’energia cinetica per “lanciare” razzi nello Spazio: è la svolta?

Commenti Memorabili CM

Startup usa l’energia cinetica per “lanciare” razzi nello Spazio: è la svolta?

| 24/11/2021
Fonte: YouTube

La SpinLauch potrebbe aver fatto centro

  • La startup californiana SpinLaunch potrebbe dare una svolta nel lancio di razzi nello Spazio
  • L’azienda sta sperimentando infatti l’uso di una centrifuga sigillata sottovuoto
  • Se funzionasse si potrebbe rivelare il modo più economico e affidabile
  • SpinLaunch ha già fatto un lancio in ottobre
  • Il test è andato alla perfezione e lascia ben sperare per il futuro

 

Potrebbe essere la svolta per il lancio dei razzi nello Spazio. Stiamo parlando dell’approccio innovativo che sta attuando la startup californiana SpinLaunch: l’utilizzo di una centrifuga sigillata sottovuoto. L’azienda ha lavorato infatti su un sistema di lancio che impiega l’energia cinetica come metodo principale. Si basa su un complesso meccanismo che include una centrifuga sigillata sottovuoto per far girare il razzo spaziale a diverse volte la velocità del suono prima di lanciarlo verso l’alto attraverso uno scivolo.

Nel caso in cui gli studi abbiano successo, il sistema di SpinLaunch potrebbe rivelarsi il modo più economico e affidabile di portare gli oggetti nello Spazio. La startup ha già avuto un lancio andato a buon fine in ottobre. Ha infatti usato il suo acceleratore suborbitale SpacePort nel New Mexico per portare un veicolo prototipo a decine di migliaia di km nell’atmosfera. SpinLaunch ha lavorato al suo sistema per anni, grazie ai finanziamenti di vari investitori tra cui Google Venture, eppure la notizia è uscita sui media solo recentemente.

Seppur l’acceleratore suborbitale SpacePort abbia dimensioni ridotte sembra funzionare a meraviglia

Il perché l’ha spiegato il CEO Jonathan Yaney: “Trovo che più audace e folle è il progetto, meglio è lavorarci sopra piuttosto che essere là fuori a parlarne. Dovevamo provare a noi stessi che potevamo davvero farcela”. E a quanto pare ce l’hanno fatta perché il test di cui sopra si è rivelato un grandissimo successo. Anche perché i razzi spaziali si basano su enormi quantità di carburante e potenti motori per decollare. Quindi la maggior parte della loro massa è occupata da essi ed è lasciata solo una frazione di Spazio per i carichi utili. Tutto ciò, con il metodo sperimentato da SpinLaunch, non avverrebbe.

Leggi anche: Ecco perché il razzo di Jeff Bezos ha un’esilarante forma fallica secondo gli scienziati

Nonostante le sue dimensioni ridotte – l’acceleratore suborbitale SpacePort è solo un terzo di quello che si ha bisogno per lanciare razzi reali – è sufficiente per dimostrare che la sua tecnologia funziona a meraviglia. Tuttavia non tutti sono così ottimisti e c’è chi dubita che nell’effettivo la startup riesca a realizzare i suoi buoni propositi. Secondo voi ce la farà?

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend