La storia assurda del falso interprete per non udenti durante il funerale di Mandela

Commenti Memorabili CM

La storia assurda del falso interprete per non udenti durante il funerale di Mandela

| 11/01/2019
La storia assurda del falso interprete per non udenti durante il funerale di Mandela

L’uomo non si è tirato indietro di fronte alle domande della stampa e ha raccontato di avere problemi di schizofrenia (non si fa fatica a crederlo) e di aver vissuto una giornata particolare. In pratica alcune voci gli consigliarono di fare quei segni, nonostante la perdita di concentrazione e le allucinazioni dominate da strani angeli.

I movimenti non sarebbero stati dunque una nuova versione della Macarena, ma il tentativo di dissimulare un problema ancora più grave. Non mancarono le scuse e le richieste di perdono per il pasticcio creato. Secondo voi come è andata a finire la storia?

Gesti incomprensibili

Il governo sudafricano si è trovato inevitabilmente in grande imbarazzo e non è stato semplice ricostruire lo svolgimento dei fatti. Nessun esponente dell’esecutivo è riuscito a spiegare la selezione del peggior interprete possibile per tradurre nel linguaggio dei segni.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend