Finge di avere il covid per poter fuggire con l’amante

Commenti Memorabili CM

Finge di avere il covid per poter fuggire con l’amante

| 26/09/2020
Finge di avere il covid per poter fuggire con l’amante

Cosa v’inventereste pur di fuggire con l’amante? Una finta morte? O magari di esservi presi il Covid? O forse entrambe le cose?

  • Manish Mishra, 28enne indiano, ha finto di essersi ammalato di covid e non voler più vivere per poter fuggire con l’amante
  • Dopo una telefonata priva di speranza alla moglie a casa, l’uomo è scomparso nel nulla
  • Temendo il peggio la moglie ha allertato la polizia e sono scattate le ricerche
  • Dalle indagini è emerso che l’uomo aveva appena perso il lavoro e che era invischiato in una relazione extraconiugale
  • Ritrovato vivo e senza covid, Manish Mishra è stato riconsegnato alla famiglia

 

La storia assurda che andiamo qui di seguito a raccontarvi, vede protagonista un uomo indiano talmente bisognoso di scappare con l’amante da arrivare a fingere di essersi preso il Covid e minacciare il suicidio prima di sparire nel nulla. Lo scorso 24 luglio Manish Mishra, un uomo sposato di 28 anni proveniente dal’India, ha telefonato alla moglie affermando di essere risultato positivo al coronavirus e che quindi vivere non aveva più alcun senso. Ha poi spento il telefono ed è scomparso nel nulla. Panico nella casa di famiglia, mentre la moglie allertava le autorità depositando una denuncia per una persona scomparsa.

Le ricerche che si sono attivate da lì a poco hanno svelato retroscena decisamente bizzarri. La polizia ha vagliato tutti i laboratori del circondario alla ricerca di un test positivo a carico di Manish Mishra, senza però trovare nulla. Insospettiti, gli agenti si sono recati a lavoro dell’uomo per scoprire che era da poco stato licenziato. Dopo aver interrogato gli amici più stretti dello scomparso, le autorità hanno scoperto che Manish aveva una relazione extraconiugale. “Abbiamo controllato il torrente Vashi con l’aiuto di pescatori locali, ma non siamo riusciti a trovare il suo corpo”, ha spiegato un gente di polizia alla testata locale Indian Express.

“Eravamo certi che fosse vivo e quindi abbiamo continuato a cercare”.

Una fitta rete di agenti ha scansionato i filmati delle telecamere a circuito chiuso delle ultime posizioni registrate dal cellulare dell’uomo, rintracciando una ripresa nella quale Manish Mishra saliva su un’automobile e spariva nel nulla. Incrociando filmati, informazioni e rintracciando il proprietario della vettura poco lontano, la polizia è riuscita a risalire all’uomo che si era rintanato a Bhawarkua, nella città di Indore, nello stato di Madhya Pradesh. L’uomo ovviamente stava bene. Non era positivo al coronavirus ed anzi, si trovava in ottima compagnia.

Leggi anche: Coronavirus: in India spopolano le mascherine tempestate di diamanti

Nella casa ad Indore, infatti, viveva insieme alla sua amante nella speranza che la famiglia lo avesse ormai ritenuto morto. “Mishra era stato licenziato perché di recente aveva commesso una frode finanziaria”, ha affermato Sanjeev Dhumal, ispettore senior della polizia di Vashi. “Aveva una relazione da un paio d’anni e voleva liberarsi di sua moglie e sua figlia. Questo è il motivo per cui ha pianificato la sua malattia e il suicidio”. L’uomo è stato prelevato lo scorso 15 settembre e “riconsegnato” alla propria famiglia. Qualcosa ci dice che potrebbe essersela vista non troppo rosea…

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend