Friedrich Kellner: i diari segreti del tedesco che si oppose al nazismo

Friedrich Kellner: i diari segreti del tedesco contro il nazismo
  • Share

“Adolf Hitler”,

scriveva Friedrich Kellner nel suo diario personale il 17 dicembre del 1942, “è il criminale più astuto di tutti i tempi. È il tiranno più sanguinario e pieno di crudeltà e durezza incessante. Lui, che seduce, attira, mente e truffa la nazione, ha vinto milioni di adepti. Li fa diventare dei combattenti fanatici e invasati delle sue eresie che non sono altro che un conglomerato di idee rubate ad altri fanatici”.

Friedrich Kellner: i diari segreti del tedesco contro il nazismo

Un’opinione un po’ dura da parte di un genuino tedesco nato e cresciuto a cavallo tra Ottocento e Novecento. Sicuramente un’opinione rischiosa negli anni dei rastrellamenti, dei campi di sterminio e di dittatura nazista nella Germania sotto il terzo Reich. Confessioni che un Kellner schifato dalla situazione politica della sua nazione affidava esclusivamente alle pagine del suo diario segreto, sperando un giorno che quegli scempi cessassero e che tutti gli orrori contenuti tra la carta non venissero dimenticati. Ma chi era questo uomo straordinario?

Comments

comments

Articoli correlati