Fuggitivo tradito da un peto malandrino

Commenti Memorabili CM

Fuggitivo tradito da un peto malandrino

| 19/07/2019
Fuggitivo tradito da un peto malandrino

Ci sono momenti in cui una flatulenza può fare la differenza tra la libertà e l’arresto.

Quando siamo bambini non abbiamo una grande padronanza sulle nostre funzioni corporali. Di solito passa un bel po’ di tempo prima che riusciamo a liberarci della gran brutta abitudine di fare la pipì a letto. Però ad un bambino si perdona più o meno tutto. Stessa cosa non si può dire invece per gli adulti, che sono obbligati ad avere un comportamento assolutamente integerrimo riguardo alla loro fisiologia.

Se i bisogni più importanti (pipì e pupù) sono relegati alla stanza da bagno – che esiste ormai in ogni casa moderna – ci sono altri tipi di bisogni  che non sempre è facile reprimere – qualora ci si trovi in un luogo non consono. Non si sa perché, ma il nostro intestino decide di mettersi a rumoreggiare nel bel mezzo di una importante riunione di lavoro. Oppure ci scappa una puzzetta mentre siamo in ascensore.

Per quanto imbarazzanti siano questi incidenti, non c’è davvero modo di evitarli. Lo dimostra la storia di un uomo che ha messo addirittura a repentaglio la sua condizione di uomo libero per liberare il gas imprigionato nei meandri del suo intestino. L’uomo in questione è un fuggitivo che è finito in manette – e oggi si trova dietro le sbarre – solo a causa di un rumoroso e clamoroso peto.

peto

Fonte: bgr.com

Siamo in Missouri, nella città di Liberty. I poliziotti sono impegnati in una estenuante caccia all’uomo. Il fuggitivo è sospettato di possedere sostanze illecite, e gli agenti stanno battendo la zona per scovarlo e consegnarlo alla giustizia. L’uomo – forse ridacchiando tutto soddisfatto – in realtà non è per niente lontano. Si nasconde tra i cespugli attendendo che le forze dell’ordine si allontanino, e così lui possa correre via indisturbato.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend