Secondo un istituto polacco i gatti domestici sono specie aliene invasive

Commenti Memorabili CM

Secondo un istituto polacco i gatti domestici sono specie aliene invasive

| 06/08/2022
Fonte: Pexels

La decisione dell’Istituto Polacco per la Conversazione della Natura sta suscitando non poche polemiche

  • L’Istituto Polacco per la Conversazione della Natura sta facendo parlare di sé e subendo diverse critiche
  • Ha infatti deciso di aggiungere i gatti domestici all’interno del suo database di “specie aliene invasive”
  • I motivi sarebbero diversi, come il fatto che i felini hanno un effetto negativo sulla fauna locale
  • Inoltre, essendo il gatto proveniente dal Vicino Oriente antico, sarebbe una specie aliena per un Paese così lontano come la Polonia
  • Nonostante questo, secondo l’istituto i micetti non sarebbero una minaccia
  • Per tale motivo non sarà necessario adottare misure correttive, tra cui l’eliminazione, l’isolamento e il controllo della popolazione

 

Stanno facendo discutere le dichiarazioni dell’Istituto Polacco per la Conversazione della Natura. Ha infatti affermato di aver aggiunto i gatti domestici all’interno del suo database di “specie aliene invasive”. Sì, avete capito bene: a loro dire i micetti che tanti di noi hanno in casa a fare le fusa sarebbero specie aliene invasive. Va da sé che gli amanti dei gatti del Paese si stanno fermamente opponendo alla decisione.

Ma come hanno voluto motivare questa scelta altamente impopolare? Secondo un blog pubblicato dall’istituto, alla base della controversa decisione ci sarebbe il fatto che i gatti hanno un effetto negativo sulla fauna locale (ad esempio sugli uccelli) e non sono tecnicamente nativi della Polonia. Sul sito web si legge: “Il gatto domestico, felis catus, è stato addomesticato probabilmente circa 10.000 anni fa nella culla delle grandi civiltà del Vicino Oriente antico, che si estende dalla Valle del Nilo alla Mesopotamia meridionale”.

Nonostante questo, secondo l’istituto i gatti domestici non rappresentano una minaccia

E di qui la seconda motivazione alla loro decisione: “Pertanto, da un punto di vista puramente scientifico, in Europa, e quindi anche in Polonia, dovrebbe essere considerata una specie aliena”. Tuttavia, sempre secondo il blog dell’istituto, il gatto domestico può essere una specie aliena invasiva, ma non rappresenta una minaccia per la Polonia. Per tale motivo non ci sarebbe da preoccuparsi riguardo le conseguenze della loro scelta.

Leggi anche: Consiglio Comunale: “I gatti domestici non potranno uscire se non al guinzaglio”

Infatti, il blog conclude affermando: “Pertanto, le disposizioni della legge relative alla necessità di richiedere un’autorizzazione o di adottare misure correttive, tra cui l’eliminazione, l’isolamento e il controllo della popolazione, non si applicano al gatto domestico”. I proprietari dei felini, dunque, potranno stare tranquilli: i loro micetti non saranno minacciati. Tanto rumore per nulla, insomma.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend