Gatti stressati dallo smartworking: interrompe la loro routine [+COMMENTI]

Commenti Memorabili CM

Gatti stressati dallo smartworking: interrompe la loro routine [+COMMENTI]

| 12/09/2021

I veterinari hanno scoperto che le nostre abitudini di smartworking stanno facendo sviluppare ai gatti una serie di problematiche legate allo stress

  • Quando il Coronavirus ha preso piede all’inizio dello scorso anno, i nostri animali domestici hanno iniziato a ricevere più attenzioni
  • I nostri amici felini si sono ritrovati a dover condividere la casa con i proprietari tutto il giorno
  • I veterinari hanno scoperto che le nostre abitudini di smartworking stanno causando ai gatti una serie di problemi legati allo stress
  • I principali sintomi comprendono problemi al tratto urinario sia per i maschi sia per le femmine
  • Gli esperti hanno quindi fornito una serie di consigli utili per risolvere questo tipo di problema

 

Secondo quanto riportato da alcuni veterinari, in questo periodo i gatti stanno cominciando a raggiungere importanti livelli di stress a causa dei loro proprietari che passano più tempo a casa per via dello smartworking. Cats Protection, un ente di beneficenza che si dedica al salvataggio e al reinserimento dei piccoli felini, ha affermato che molti gatti stanno faticando ad affrontare la situazione.

I cambiamenti nella routine di un gatto hanno sempre il potenziale di causare stress, dato che sono creature abitudinarie. Inoltre, con lo smartworking i luoghi “sicuri” o “tranquilli” in cui un gatto poteva fuggire in casa in precedenza potrebbero essere stati riproposti come ufficio domestico, quindi micio potrebbe non avere più un suo “rifugio”.

I sintomi e le eventuali soluzioni

Gli esperti hanno notato un notevole aumento di disturbi come vesciche bloccate nei gatti maschi e cistite nei gatti maschi e femmine negli ultimi 18 mesi. I sintomi includono lo sforzo di urinare, non urinare o evacuare in posti insoliti. “Sembra che alcuni gatti siano diventati più stressati nella loro casa durante la pandemia”, ha riferito una portavoce del rifugio al Times.

Leggi anche: I gatti hanno odiato passare tanto tempo con noi durante il lockdown

L’infermiera veterinaria Debbie James, del Vet’s Klinic di Swindon, ha spiegato che “a differenza dei cani, i gatti hanno bisogno di spazio e tempo da soli”. I veterinari difatti consigliano ai proprietari di creare dei nascondigli per i loro gatti per restituire loro la “privacy” e addolcire il loro umore. Inoltre, suggeriscono di mettere cibo, acqua e lettiere in zone tranquille.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend