Il gattino appena nato che assomiglia ad un nonno

Commenti Memorabili CM

Il gattino appena nato che assomiglia ad un nonno

| 19/04/2021

Questo gattino con la faccia da “nonno” è nato con la palatoschisi, le sue immagini hanno catturato il web

  • Grandpa, il gattino appena nato che assomiglia ad un nonno
  • È nato con la palatoschisi ed una contorsione alle zampe posteriori
  • Viste le sue condizioni il veterinario aveva suggerito l’eutanasia
  • La famiglia lo ha portato alla Stray Cat Alliance per aiutarlo
  • Sta riacquistando giorno dopo giorno la mobilità alle gambe
  • Le sue immagini hanno conquistato il web

 

Qualche settimana fa, Stephanie Medrano, una volontaria della Stray Cat Alliance, è stata informata della nascita di un gattino “insolito” con la faccia da nonno. Il piccolo gattino era nato con la palatoschisi ed una contorsione alle zampe posteriori. I suoi precedenti proprietari preoccupati per la sua salute lo hanno portato dal veterinario. Dopo un esame più approfondito, il dottore ha suggerito l’eutanasia, in quanto sembrava che il piccoletto avesse poche possibilità di sopravvivere visti i deficit con i quali era nato.

I precedenti proprietari non sapevano come prendersi cura in maniera adeguata di un gattino in tali condizioni, soprattutto dopo aver ricevuto una diagnosi così negativa sulla sua salute. Tuttavia, volevano comunque aiutarlo, in quanto il gattino appena nato ha mostrato fin da subito una forte volontà di vivere e sembrava voler mangiare. Fu allora che Stephanie venne a conoscenza della situazione del piccoletto e accolse il gattino alla Stray Cat Alliance.

La Stray Cat Alliance si sta prendendo cura del gattino con la faccia da nonno, che sta riacquistando la mobilità

Vedendo l’animaletto, Stephanie ha notato immediatamente un dettaglio memorabile: il gattino aveva una faccia che ricordava una persona anziana. Pertanto, ha deciso subito di chiamarlo Grandpa, “nonno”. La volontaria ha raccontato in un’intervista a Bored Panda che “a causa delle sue zampe contorte, è difficile che il gattino riesca a muoversi da solo per raggiungere la mamma e nutrirsi”. A tal proposito, “ha bisogno di essere nutrito con sondino, e le sue zampe devono essere massaggiate ogni due ore”.

Leggi anche: “Gatto aggredisce i piloti e li costringe a un atterraggio di emergenza”

“La palatoschisi si deve al fatto che i suoi tendini sono più corti del normale, e tirano le zampe all’indietro. Allungando le zampe del gattino, riusciamo ad allungare anche i suoi tendini man mano che crescono. Si spera che inizi ad assumere la posizione corretta nel tempo e ad adattarsi”. In questi giorni il gattino nonno trascorre le sue giornate a sonnecchiare, mangiando regolarmente ogni poche ore e godendo di massaggi su massaggi alla pancia. Anche se inizialmente aveva poche possibilità di sopravvivere, grazie alla dedizione di Stephanie, il piccoletto sembra aver fatto diversi progressi nelle ultime settimane.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend