Giappone: sempre più anziani preferiscono il carcere

Commenti Memorabili CM

Giappone: sempre più anziani preferiscono il carcere

| 15/02/2019
Giappone: sempre più anziani preferiscono il carcere

Il Giappone sta vivendo un massiccio aumento del tasso di criminalità tra i suoi cittadini più anziani, i quali preferiscono il carcere di proposito…

Il Giappone ha la popolazione più anziana del mondo, con più di un quarto dei suoi cittadini dai 65 anni in su. L’invecchiamento demografico ha già messo a dura prova il sistema finanziario e l’industria del commercio al dettaglio del paese. Tuttavia, negli ultimi anni si è sviluppata un’altra tendenza inaspettata: in quantità record, gli anziani del Sol Levante stanno commettendo piccoli crimini in modo da poter trascorrere il resto dei loro giorni in carcere.

Secondo quanto riportato su Bloomberg, le denunce e gli arresti di cittadini senior sono superiori a quelli di qualsiasi altro gruppo demografico in Giappone, e il tasso di criminalità degli anziani è quadruplicato negli ultimi due decenni: nel 1997 questa fascia di età rappresentava circa una condanna su 20, ma ad oggi la cifra è salita a più di una su cinque.

In molti casi – nove su dieci, per le donne over 65 – il crimine che apre le porte del carcere è il taccheggio. La recidiva è un modo per tornare in prigione, e la rapina, soprattutto nei negozi, è di gran lunga il crimine più comune commesso dagli anziani. Rubano per lo più cibo di valore inferiore a 3.000 yen (circa 25 dollari) dagli esercizi commerciali che visitano regolarmente.

Anziani giapponesi scelgono il carcere

Il giornalista della BBC Ed Butler – ha indagato sul motivo, ed è sconvolgente. Butler ha svolto la sua inchiesta giornalistica a Hiroshima, in un alloggio di transizione per i criminali che sono in procinto di essere rilasciati dal carcere per essere reintegrati nella comunità:

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend