Gli uomini e le donne più cattivi di sempre

Gli uomini e le donne più cattivi di sempre
  • Share

Nel corso delle varie epoche, sono esistiti dei personaggi cattivi che hanno segnato la storia. Che questi personaggi possano essere uno spunto per un originalissimo travestimento per Halloween. Qui di seguito scopriremo chi sono.

Che sia dovuta alla follia, alla smania di potere, alla fedeltà ad un’ideologia, la cattiveria di alcune persone che sono esistite è davvero incredibile. Parliamo di donne e uomini molto cattivi, che non hanno guardato in faccia nessuno e che hanno lasciato il loro segno nella storia, anche se in maniera malvagia.
Partiamo da Jack Lo Squartatore, che nel 1888 ha seminato il terrore nell’East End a Londra. È stato il primo serial killer, spietato e sanguinario, che è riuscito a rimanere privo di identità. L’assassino ha ucciso le sue vittime (prostitute) tagliando loro la gola, per poi accanirsi sui loro organi interni e rimuovendoli con una precisione degna di un chirurgo. Il nome Jack Lo Squartatore deriva da una lettera arrivata a Scotland Yard. La sua ferocia era degna del nome che si è guadagnato.

Erzsébet Báthory (1560-1614) era una nobildonna ungherese del XVI secolo, definita la “contessa Dracula”. La diabolica donna è considerata uno dei serial killer più spietati, seduttrice bisessuale, cannibale, seviziatrice e vampira, con 650 fanciulle vittime della sua crudeltà e delle sue torture durate 20 anni (ma aveva anche dei difetti). Conquistava le ragazze con promesse di lavoro poi le torturava con aghi sotto le unghie se cucivano male, o con un marchio da ferro da stiro sul viso se stiravano male. Le picchiava selvaggiamente, le ustionava, le lasciava nei campi in inverno nude e bagnate per farle congelare. La contessa, poi, era solita fare il bagno nel sangue delle sue vittime per garantirsi eterna bellezza. Insomma, una personcina a modo.

Uomini e donne cattivi

Continua per scoprire chi sono gli altri personaggi che, nel corso della storia, si sono guadagnati la nomea di “cattivissimi”.

Comments

comments

Articoli correlati