Il primo, clamoroso gesto del Gundam scala 1:1: un enorme dito medio

Commenti Memorabili CM

Il primo, clamoroso gesto del Gundam scala 1:1: un enorme dito medio

| 01/08/2020
Il primo, clamoroso gesto del Gundam scala 1:1: un enorme dito medio

Gundam uno di noi.

  • A Yokohama esiste la Gundam Factory
  • Qui è in costruzione un Gundam a dimensione 1:1 che potrà muoversi
  • La sua ultimazione è prevista per la fine del 2020
  • Però il prototipo è già funzionante
  • Durante una prova di movimento, il robot ha fatto un gesto inequivocabile
  • Ha alzato il dito medio
  • Come sempre, il mecha è dalla parte dell’umanità sofferente

 

Se qualcuno ti chiedesse cosa vuoi dire a questo 2020, come risponderesti? Ci affiorerebbero alle labbra tante paroline dolci. Ma, come è noto, un gesto spesso vale più di mille parole. E, tutto sommato, non è del tutto fuori luogo che a fare il gesto che più eloquentemente esprime i nostri sentimenti nei confronti dell’anno in corso non sia un essere umano, ma un robot. E che robot.

Il Gundam è uno dei più amati mecha di sempre, ovvero uno di quei robottoni nati dalla fantasia dei disegnatori di manga (fumetti) giapponesi e poi diventati protagonisti di serie animate che hanno ipotecato la fantasia di chi era bimbo tra gli anni Settanta e Ottanta. Un enorme Gundam in scala 1:1 è in costruzione presso la Gundam Factory di Yokohama. La sua peculiarità, rispetto a tanti altri modelli a dimensioni naturali che già esistono, è che potrà muoversi per davvero.

Il modello è il Gundam RX 78-2; alto 18 metri, con un peso di 25 tonnellate, dovrebbe essere completato entro ottobre 2020. Sarà poi protagonista delle Olimpiadi di Tokyo, che si sarebbero dovute tenere nel corso del 2020 ma che sono state rimandate per via della pandemia di Coronavirus. Il giorno 29 luglio 2020 finalmente è stato aggiunto il pezzo più importante: la testa. Insieme, si sono tenute alcune prove generali per i movimenti del robot.

Il gesto universale

Siamo in Giappone, dunque, un Paese molto lontano dall’Italia dove sono tante le differenze culturali, linguistiche ed espressive. Eppure sembra che ci sia davvero un gesto universale, un esperanto dell’anima che ci rende tutti fratelli e che ci permette di capirci ai quattro angoli del globo. Durante le prove generali, il Gundam 1:1 che si trova nella Gundam Yokohama Factory ha fatto qualcosa che ce lo ha reso subito ancora più simpatico di quanto non fosse già.

Leggi anche: Quasi ultimato il maestoso Gundam scala 1:1

Con gesto lento e deliberato, ha alzato il suo enorme braccio meccanico. La mano stretta a pugno non era pronta, stavolta, a combattere i nemici dell’umanità. Infatti, semplicemente, mentre le altre dita restavano strette, solo il dito medio si è sollevato in un enorme, catartico, generoso vaffa**o. La foto del Gundam che esegue il gesto osceno hanno fatto il giro del web, e tutti sono concordi: il mecha manda a quel Paese tutte le cose brutte che ci hanno afflitto finora. E noi speriamo che il suo gesto serva ad allontanarle in modo definitivo. In fondo, lui ha sempre combattuto per difendere l’umanità!

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend