I motivi per cui tutti potevamo finire sul rogo della caccia alle streghe di Salem

Commenti Memorabili CM

I motivi per cui tutti potevamo finire sul rogo della caccia alle streghe di Salem

| 14/11/2018
I motivi per cui tutti potevamo finire sul rogo della caccia alle streghe di Salem

Durante la caccia alle streghe di Salem tante persone sono state torturate e condannate a morte per stregoneria. Oggi scopriamo i motivi per cui tutti noi potevamo finire sul rogo.

Nel 1692, nel villaggio di Salem, nella contea di Essex in Massachusetts, partì la caccia alle streghe si Salem. Si trattò della più lunga serie di accuse, arresti e condanne a morte mai perpetrate in questo senso. Al termine del processo vennero state uccise sul rogo 19 persone, un uomo che si rifiutò di testimoniare venne schiacciato a morte, e vennero inoltre  imprigionati 150 sospettati e altre 200 persone sono state accusate di stregoneria.

Le accuse si basavano spesso solo su semplici sospetti e su particolari del tutto irrilevanti, che oggi potrebbero essere considerati gesti normali di quotidianità. In quegli anni, in cui la caccia alle streghe era così diffusa, bastava davvero poco per essere accusati di stregoneria. Per esempio, tra le semplici caratteristiche che potevano portare ad un’accusa vi erano il fatto di essere un po’ trascurati nell’aspetto oppure di avere del latte scaduto in casa. Cose che, probabilmente, una volta nella vita sono accadute a tutti.

Streghe di Salem

Per questo abbiamo deciso di svelarvi i motivi per cui tutti potevamo finire sul rogo della caccia alle streghe di Salem. Eccoveli:

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend