Invasione di orsi polari in Russia: “hanno fame, potrebbero attaccare”

Commenti Memorabili CM

Invasione di orsi polari in Russia: “hanno fame, potrebbero attaccare”

| 10/02/2019
Invasione di orsi polari in Russia: “hanno fame, potrebbero attaccare”

Un villaggio della Russia è minacciato da un’insolita invasione di orsi polari. Circa 50 esemplari vagano indisturbati per i centri residenziali…

Russia: gli orsi polari stanno cominciando a incidere seriamente sulla vita quotidiana delle persone che vivono nell’Artico russo. È stato persino necessario dichiarare lo stato di emergenza nell’estremo nord-est del Paese. Secondo quanto annunciato dalle autorità locali, l’arcipelago della Novaya Zemlya – con una popolazione stimata di circa 3.000 persone – sta affrontando questo fenomeno dal dicembre 2018.

“Sono in Novaya Zemlya dal 1983, ma non ho mai visto un’invasione così massiccia di orsi polari”, ha dichiarato il direttore amministrativo dell’arcipelago, Jigancha Moussine. Gli animali, a volte aggressivi, non esitano più ad avvicinarsi agli edifici residenziali.

Orsi polari invadono la Russia

A Belushya Guba, il più grande villaggio dell’arcipelago che ospita una guarnigione militare, la popolazione è preoccupata:la gente non osa lasciare le proprie case, ha paura di lasciare andare a scuola i figli, ha affermato un funzionario locale che parla di una vera e propria invasione.

Gli orsi polari sono vittime del riscaldamento globale e lo scioglimento dei ghiacci nell’Artico li costringe a trascorrere più tempo alla ricerca di cibo. Sono riconosciuti come specie a rischio e la caccia agli orsi polari è proibita in Russia. Attualmente, le autorità stanno cercando di far allontanare gli animali dagli edifici residenziali utilizzando le luci lampeggianti dei veicoli di pattuglia e i cani, “ma queste misure non stanno avendo l’effetto desiderato, sostiene la dichiarazione.

Orsi polari in Russia

Se l’uso di segnali luminosi e sonori non aiuta a risolvere il problema, il comunicato avverte che “l’abbattimento degli animali può essere l’unica misura necessaria per garantire la sicurezza” dei residenti. Per il momento, l’agenzia federale russa di monitoraggio ambientale si rifiuta di consentire l’abbattimento degli animali più aggressivi, si legge in una dichiarazione. Tuttavia, verrà inviata una commissione all’arcipelago per valutare la situazione.

Nel frattempo, l’amministrazione locale ha pubblicato sul suo sito web una nota su cosa fare nel caso in cui i residenti si trovino faccia a faccia con uno di questi animali. “Se un orso vi attacca, cadete a terra, nascondete la testa sotto le braccia e non muovetevi”, consiglia il documento, il quale sottolinea che gli orsi polari che attaccano gli esseri umani sono una rara eccezione.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend