“iPhone” di 2.100 anni scoperto in un’antica tomba dell’Atlantide russa

Commenti Memorabili CM

“iPhone” di 2.100 anni scoperto in un’antica tomba dell’Atlantide russa

| 10/09/2019
“iPhone” di 2.100 anni scoperto in un’antica tomba dell’Atlantide russa

Uno straordinario “iPhone” di 2.137 anni è stato riesumato dalla tomba di una giovane donna in un misterioso luogo di sepoltura chiamato “Atlantide russa”.

Gli archeologi hanno fatto un ritrovamento straordinario durante un recente scavo, scoprendo un “iPhone” di 2.137 anni dalla tomba di una giovane donna durante un viaggio nella montuosa Repubblica di Tuva, verso l’Atlantide russa, chiamata così perché emerge dalle acque solo per poche settimane all’anno.

L’oggetto misterioso – delle dimensioni di 18 cm per 9 cm – è stato scoperto in una tomba appartenente alla donna soprannominata “Natasha” dagli archeologi, che si ritiene possa essere vissuta durante il periodo Xiongnu nell’antica Mongolia, un’enorme nazione di nomadi che governò l’area dal III secolo a.C. alla fine del I secolo d.C..

Tuttavia, anche se sembra proprio uno smartphone, questo oggetto fuori dal comune è in realtà un tipo di gioiello di colore nero, incastonato con una gamma abbagliante di pietre preziose che sicuramente riescono a mettere in imbarazzo qualsiasi custodia “fashion” di un iPhone: è adornato con decorazioni intarsiate di turchese, corniola e madreperla.

“La scoperta di Natasha con un ‘iPhone’ dell’epoca di Hunnu (Xiongnu) rimane una delle più interessanti in questo luogo di sepoltura”, ha commentato l’archeologo Pavel Leus. Si ritiene che l’antica donna indossasse l’oggetto come fibbia di una cintura, il che lo  rende un accessorio di grande valore.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend