La vera storia di Jane Toppan: l’angelo della morte

  • Share

Si è parlato a lungo, negli ultimi due o tre anni, di una donna di Ravenna che pare sia stata soprannominata l’infermiera killer.

Che questa storia nostrana sia vera oppure no, di effettive operatrici sanitarie dedite ad attività più malsane del prendersi amorevolmente cura dei propri pazienti, nella storia ce ne sono state diverse.

Con l’appellativo di “Angeli della Morte” ci riferiamo a questa tipologia di serial killer: specifica e piuttosto rara, opera esclusivamente all’interno di ospedali, contornandosi di decessi in maniera molto meno romantica di quella che possiamo vedere nella morte dalle ali nere nella serie tv “American Horror Story: Asylum”.

Individui come Stephan Letter o Arnfinn Nesset nel corso dei decenni hanno riempito le pagine di cronaca di molti giornali del mondo; vi era chi operava per pietà o chi per sindrome di Munchausen, come l’infermiera Sonya Caleffi.

Jane Toppan l'infermiera killer

Ma oggi, nello specifico, vogliamo parlavi di Jane Toppan, l’infermiera che ha confessato di aver ucciso più di 30 persone nell’arco della sua carriera. Brrr.

 

Comments

comments

Articoli correlati