I koala hanno le impronte digitali uguali alle nostre, lo dice la scienza!

Commenti Memorabili CM

I koala hanno le impronte digitali uguali alle nostre, lo dice la scienza!

| 18/02/2021
I koala hanno le impronte digitali uguali alle nostre, lo dice la scienza!

Le impronte digitali degli animali uguali alle nostre

• Nel 1975 la polizia ha scoperto che le impronte digitali delle scimmie sono come le nostre
• La cosa non stupisce più di tanto perché sono i nostri parenti più vicini
• Ma nel 1996 uno studio ha rivelato che anche i koala hanno le impronte digitali uguali alle nostre
• Nessun altro marsupiale è dotato di impronte digitali
• Quale può essere il motivo di una somiglianza tra noi e i koala?

 

Strano ma vero, tra gli imprevisti che può temere un agente di polizia in una scena del crimine può esserci anche qualcosa di adorabile come un koala. Infatti, si è scoperto che questo simpatico marsupiale è dotato di impronte digitali praticamente uguali alle nostre.

Ma andiamo con ordine. I primi animali che si è scoperto avessero le impronte digitali come le nostre sono le scimmie. Nel 1975, la polizia britannica, preoccupata del crimine che continuava a crescere nel paese, decise di rilevare le impronte di sei scimpanzé e due oranghi allo Zoo d’Inghilterra. Può sembrare una follia, ma l’idea deve essere nata dal loro gergo del mestiere che definisce “impronte di scimmia” le tracce poco chiare in una scena del crimine. Dallo studio è emerso che le “indagate” non avevano commesso alcun crimine, ma che le impronte digitali delle scimmie sono effettivamente uguali alle nostre. Non c’è da stupirsi, penserete voi, d’altronde sono i nostri più antichi antenati. È vero, ma allora i koala cosa c’entrano? Non abbiamo nessuna parentela con loro.

Le impronte digitali dei koala sotto il microscopio

Nel 1996 dei ricercatori dell’Università di Adelaide hanno condotto lo stesso studio sui koala. Analizzando le loro zampe, hanno scoperto che sono dotati di impronte digitali e le hanno uguali alle nostre. Le caratterizzano gli stessi anelli e gli stessi vortici e ogni koala le ha diverse l’uno dall’altro. Anche dopo averle ispezionate minuziosamente con un microscopio, gli investigatori più abili non riuscirebbero a capire che non si tratta di dermatoglifi umani. La cosa veramente curiosa delle impronte digitali dei koala è che nessun marsupiale le ha a parte loro, né i canguri né i vombati. E sembra, dallo studio condotto, che siano il frutto della sua storia evolutiva. In poche parole, prima probabilmente non le avevano!

Leggi anche: Trovano un koala in casa arrampicato sul loro albero di Natale

Non possiamo fare altro che chiederci. Cosa abbiamo in comune gli uomini, le scimmie e i koala? Perché abbiamo le impronte digitali uguali? La risposta è semplice. Abbiamo l’esigenza di afferrare le cose e le impronte digitali ci permettono di farlo al meglio. I dermatoglifi hanno due scopi principali: quello di consentire di trattenere più a lungo e in maniera migliore le superfici ruvide, e quello di aumentare la percezione tattile delle cose che afferriamo. Per i koala, non è poi così diverso. Sono incredibilmente esigenti col cibo, e mostrano una preferenza per le foglie di eucalipto di una certa età. Le impronte digitali permettano loro di arrampicarsi sui rami più alti e di ispezionare a fondo gli alimenti prima di mangiarli.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend