La storia della vittima dell’eruzione del Vesuvio ritrovata in una posizione ambigua.

  • Share

L’immagine ritrae una vittima dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.c. in una posizione davvero controversa. Si stava effettivamente masturbando durante l’eruzione? Scopriamolo aggiungendo immancabilmente i migliori commenti che sono “venuti fuori”.

Qualche giorno fa vi abbiamo fornito un’immagine ritraente una vittima dell’eruzione del Vesuvio, risalente agli anni 79 d.c. Un immagine come tante, ma con una piccola sostanziale differenza: la posizione dell’uomo può facilmente far pensare che si stesse masturbando nel momento esatto in cui ha lasciato questo mondo. E non ci sarebbe comunque niente di male, essendo probabilmente uno dei modi più belli per dire addio al nostro pianeta, oltre ovviamente a farlo durante il sesso o essendo sbronzi marci. L’immagine sembrerebbe diventata virale dopo pochissimo tempo proprio per questa sua particolarità, ed è stata condivisissima sui social e nel brutto mondo dell’internet. Come sono andate davvero le cose? Probabilmente vi spiacerà scoprirlo davvero.

Stando agli ultimi aggiornamenti, dobbiamo deludere chi pensava realmente che si stesse masturbando mentre lasciava questo mondo. Infatti, non sarebbe il solo ritrovato in questa assurda posizione. L’effetto termico nei corpi, prodotto dall’eruzione, ha fatto sì che gli arti si contraessero in quella posizione specifica, e questo processo è accaduto molto probabilmente post mortem. Il che significa che no, non è stata distrutta una città di segatori professionisti, ma lo sono diventati solamente dopo la morte. Quindi è stato tirato su un gran polverone per qualcosa che la scienza ha saputo brevemente spiegare. Peccato però, ci sarebbe sicuramente piaciuta di più la prima versione della storia, quella in cui “come è venuto se ne è andato“.

In fin dei conti, ci importa poco di come sia effettivamente andata la questione. I commenti che sono scaturiti hanno colmato decisamente bene il vuoto emotivo rimasto dalla triste scoperta. Li abbiamo presi e puliti, così come sono “venuti fuori”. Eccoveli serviti appoggiando il raziocinio sul comodino:

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE (AKA CLICCA ORA, ALTRIMENTI ALLA TUA MORTE NON POTREMO USARE LA SCUSA DELL’EFFETTO TERMICO PER GIUSTIFICARE LA TUA POSIZIONE): Memorabilità in bottiglia, quando l’ignoranza passa attraverso ai fluidi.

 

 

 

Comments

comments

Articoli correlati