Le conseguenze dello scontro tra due Panda.

  • Share

La Panda non ha più bisogno di presentazioni ormai. Ciò che ha bisogno di spiegazioni, sono i cambiamenti climatici generati dallo scontro di due Panda, dalle valanghe alle eruzioni vulcaniche.

Non si ricordava un evento simile dagli ultimi bombardamenti nucleari. Se già sapevamo che lo scontro tra una Panda e un qualunque altro oggetto o creatura vivente, sul nostro pianeta, sarebbe sfociato in una vittoria senza cicatrici per il carro armato Fiat, non sapevamo cosa sarebbe potuto succedere se la Panda avesse avuto l’occasione di scontrarsi… con se stessa. Alcuni utenti hanno sollevato l’ipotesi che potrebbe non essere stato effettivamente uno scontro tra due auto differenti, ma che fosse la stessa auto a collidere con se stessa del passato, generando un paradosso spazio-temporale da piegare anche le più brillanti menti scientifiche del nostro paese.

Se le cause dell’incidente rimangono ancora nell’ignoto, ben note sono invece le conseguenze che hanno portato a questo disastro, con ripercussioni su tutto il globo. Tra i più grandi problemi segnalati, troviamo: terremoti ed enormi crepe nel terreno, valanghe su tutte le catene montuose e un uragano con un nome femminile, che avrà colpito sicuramente una zona country dell’America a caso, scelta secondo un algoritmo ben consolidato. Senza dimenticare uno tsunami nelle zone del Giappone, proprio per non farsi mancare nulla. Bizzarra la sorte dei frammenti generati dall’impatto tra le due auto: sembrerebbe che, infatti, la potenza che ha scagliato i detriti li abbia riportati esattamente sul luogo dello scontro, dopo aver fatto il giro del mondo.

Un tragico evento che verrà sicuramente ricordato e scritto nei libri di storia come “Il più grande disastro ambientale della storia dell’umanità“. Noi, nel tentativo di sopravvivere schivando prima un detrito, poi l’altro, abbiamo raccolto i vostri commenti sulla faccenda. Eccoveli serviti insieme ad un Padre Pio in omaggio:

 

GUARDA ANCHE: Ode al Nokia 3310.

Comments

comments

Articoli correlati