Legge della pipì: ecco perché seguire la regola dei 21 secondi

Commenti Memorabili CM

Legge della pipì: ecco perché seguire la regola dei 21 secondi

| 15/11/2022
Fonte: Pixabay

Secondo la “legge della pipì” svuotare la vescica in 21 secondi indica un buono stato di salute dell’individuo

  • La “legge della pipì” spiega in quanto tempo bisognerebbe urinare
  • Secondo questa teoria dovremmo metterci 21 secondi
  • Lo studio bizzarro ha vinto un premio IgNobel per la fisica nel 2015
  • Spiega che il peso influisce sulla velocità con la quale riusciamo ad urinare
  • Il tempo impiegato a fare pipì può essere un indicatore del nostro stato di salute

 

I tempi “da bagno” variano da persona in persona. Tendenzialmente si dice che le donne sono quelle più lente, mentre gli uomini riescono a svuotare la vescica in pochi secondi. Che questo sia vero o meno, poco importa: c’è una regola universale che vale per tutti a prescindere dal genere ed è “la legge della pipì”. Si tratta di un bizzarro studio che nel 2015 ha anche vinto un premio IgNobel per la fisica, un riconoscimento satirico che viene assegnato annualmente a dieci autori di ricerche strane, divertenti e improbabili.

Lo studio è stato realizzato da un gruppo di ricerca della Georgia Tech (USA), il quale ha monitorato il tempo “perfetto” che ognuno di noi dovrebbe impiegare per fare pipì. Secondo questa teoria, una persona in buone condizioni di salute dovrebbe svuotare la vescica in 21 secondi esatti. Questo principio è stato osservato anche negli animali. A seconda della loro massa corporea, dunque del loro peso, che esercita una pressione sulla vescica, urinano più o meno velocemente. Bisogna considerare che il tempo di svuotamento dipende anche dalla forza di gravità.

Il peso influisce sulla velocità con la quale riusciamo ad urinare

Tendenzialmente gli animali con un peso superiore ai tre chili svuotano la loro vescica in circa 21 secondi, mentre quelli più piccoli riescono a liberarsi della pipì anche in una frazione di secondo. Negli ultimi anni diversi urologi hanno affrontato l’argomento, spingendo le persone a monitorare le tempistiche in bagno. Infatti, questo parametro potrebbe essere un indicatore del nostro stato di salute. Se ci accorgiamo di impiegare molto più o molto meno di 21 secondi, potrebbe significare che stiamo trattenendo la pipì troppo a lungo o che abbiamo dei problemi di incontinenza.

Leggi anche: Sondaggio rivela: “Il 61% degli uomini preferisce fare pipì da seduto”

Metterci pochissimo tempo o fare più volte pipì nel giro di pochi minuti, potrebbe indicare che si ha una “vescica iperattiva”, una condizione provocata da calcoli o cisti. Infine, è anche probabile che facciamo un lavoro nel quale siamo costretti a trattenere per lungo tempo l’urina e ciò porta a dilatare la vescica.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend