Shadows from the Walls of Death: il libro all’arsenico in grado di ucciderti

Commenti Memorabili CM

Shadows from the Walls of Death: il libro all’arsenico in grado di ucciderti

| 08/01/2021
Shadows from the Walls of Death: il libro all’arsenico in grado di ucciderti

Il libro all’arsenico del dottor Kedzie mette in guardia dai pericoli delle carte da parati tossiche

  • Nel XIX secolo, andavano di gran moda le camere rivestiste con carta da parati all’arsenico
  • I produttori e le famiglie americane non erano consapevoli della tossicità dei materiali
  • Un medico e chimico, il dottor Robert M. Kedzie, iniziò a studiare tali rivestimenti
  • Nel 1874 realizzò un vero e proprio libro all’arsenico con all’interno campioni di carta da parati
  • Ne creò 100 copie e le distribuì nelle biblioteche pubbliche del Michigan
  • Ciò insieme all’avvertenza di non toccare le pagine: il libro era potenzialmente letale
  • La mossa del dottor Kedzie era determinata ad istruire i consumatori, affinché si sbarazzassero della carta da parati incriminata
  • Oggi rimangono appena quattro copie del libro

 

Qualche centinaio di anni fa – talvolta anche meno – alcuni prodigi della scienza e della tecnologia erano erroneamente ritenuti del tutto innocui. Di numerose sostanze non si conoscevano ancora gli effetti collaterali a lungo termine, e vi è stato chi ci ha rimesso le penne per aver ingerito radio e chi vive ancora oggi in una casetta in amianto.

Per quanto riguarda l’arsenico, la questione non è poi così diversa. Alla fine dell’Ottocento, più o meno tutti sapevano che l’arsenico fosse tossico se ingerito, ma quasi nessuno era a conoscenza del fatto che potesse uccidere anche sotto forma di carta da parati. Insomma, quanto spesso veniamo fatti fuori da un complemento d’arredo?

Pareti d’arsenico per arredamenti belli da morire

In America, alla fine del XIX secolo, oltre la metà delle abitazioni americane era rivestita di carta da parati velenosa. La sostanza tossica veniva rilasciata nell’aria, finendo sugli indumenti, sulle mani e spesso nel cibo dei poveri abitanti ignari. Così, nel 1874 un uomo di nome Robert M. Kedzie decise di prendere in mano la situazione. L’uomo era stato chirurgo durante la guerra civile e divenne professore di chimica una volta lasciato l’esercito.

Venuto a conoscenza dei pericoli che si celavano dietro il rivestimento per le pareti delle graziose casette piene zeppe di famiglie e di bambini, decise di scrivere un libro. Vide così la luce il volume “Shadows from the Walls of Death: Facts and Inferences Prefacing a Book of Specimens of Arsenical Wall Papers” (“Ombre dai muri della morte: fatti e inferenze che precedono un campionario di carte da parati all’arsenico”). Il libro non era un saggio, quanto piuttosto un campionario di carte da parati splendidamente variopinte, tanto belle quanto letali. Di un paio di campioni potete vedere il bel verde brillante e velenoso delle foto qui in alto.

Un libro all’arsenico per mettere in guardia da una carta da parati potenzialmente letale

Ogni pagina era intrisa di veleno in grado di far ammalare una persona adulta. Il dottor Kedzie ne realizzò 100 copie e le spedì presso le biblioteche pubbliche del Michigan. Insieme al libro vi era anche il monito di non far toccare a nessuno le pagine di tale compendio mortale. Quelle che inizialmente si rivelarono semplici teorie di un chimico, vennero presto convalidate dalla comunità scientifica. Le biblioteche a quel punto temevano per l’incolumità di pubblico e dipendenti, così numerose copie del libro in questione vennero distrutte.

Leggi anche: Tra combustioni spontanee e overdose da oppio, le morti più assurde dell’epoca Vittoriana

Ad oggi, pare che solamente quattro volumi del libro all’arsenico siano ancora in circolazione. Per poterne ammirare le carte da parati velenose, era indispensabile – fino a qualche anno fa – indossare dei guanti speciali. Nel 1998 la copia posseduta dalla Michigan State University venne rivestita di plastica, pagina dopo pagina. Una delle copie, in concessione alla National Library of Medicine, è stata invece scansionata e resa disponibile online. Di certo un paio di metodi più sicuri per ammirare le pagine del libro più velenoso di tutti i tempi.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend