Lo sceicco saudita che ha fatto volare i suoi 80 falchi in aereo

  • Share

Che bisogno c’è di far volare su un aereo degli animali che già volano autonomamente? Assolutamente nessuno, ed è per questo che ci andava uno sceicco per creare una situazione simile. Quando cala il sipario sul buon senso e si innescano i vostri commenti, si può solo decollare verso la memorabilità.

Il principe saudita ha avuto la brillante di idea di portare i suoi 80 falchi con se durante un viaggio. Tutto nella norma, tra l’altro, visto che ha acquistato regolarmente 80 biglietti per il volo per sistemare i volatili. Riempiendo così metà dell’aereo con i pennuti. Perlomeno gli insoliti passeggeri hanno viaggiato con il paraocchi, ma stiamo ancora cercando di decifrare se sia una pratica tipica per il trasporto di questi animali o semplicemente un modo per impedirgli di assistere allo scempio di quella situazione.

Sicuramente un metodo bizzarro per avere con se i propri animali domestici, quando quel poveraccio del tuo gatto è obbligato a viaggiare dentro a una gabbia, in una stiva. E non migliora neanche la tua autostima quando, ragionando sulla tua situazione economica, scopri che non puoi permetterti neanche un falco, figuriamoci farlo volare in prima classe. La faccenda è già diventata virale sul web, e ci sono già stati i primi i commenti: “Ma il principe non sa che i falchi possono volare?” o “Evidentemente qualcuno non ha trovato tutti i 150 Pokemon del suo Paese“. Ma sono rapidamente arrivati anche i vostri, senza farsi attendere troppo. Eccoveli serviti con il paraocchi:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE (AKA VACCI SUBITO, ALTRIMENTI IL PROSSIMO VIAGGIO IN AEREO LO FARAI COI LEONI DELLO SCEICCO): L’uomo che fece touchdown ipnotizzando gli avversari.

 

BONUS:

Quando ti sale il Gianluca Grignani molesto e descrivi la situazione a modo suo. Ed è subito Capodanno.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE (AKA VACCI SUBITO, ALTRIMENTI IL PROSSIMO VIAGGIO IN AEREO LO FARAI COI LEONI DELLO SCEICCO): L’uomo che fece touchdown ipnotizzando gli avversari.

Comments

comments

Articoli correlati