Lucia Javorcekova, le origini del mito.

  • Share

Quella che vi narreremo oggi è la storia di Lucia Javorcekova. Una storia di cecità e di magia, di tendiniti e di rivalsa. Venite a scoprire le origini del mito della “Mozzarellona”, la donna che è stata in grado di assicurarsi la memorabilità eterna. E non abbiamo bisogno di spiegarvi i motivi.

Tutto cominciò un normalissimo Venerdì. Le finestre erano spalancate, la brezza leggera sfiorava gli ormai consumati tasti di una tastiera sfinita dal duro lavoro. Nessuno, nemmeno noi, sapeva che quella brezza fosse in realtà un surreale vento di cambiamento. Di quelli che, silenziosamente, si portano via il passato per lasciare spazio ad un futuro incerto. All’improvviso le piante si irrigidirono, i cuscini si misero spontaneamente in posizione verticale, e tutti gli oggetti curvarono inspiegabilmente verso il cielo. Era la fine di Emily Ratajkowski, e l’avvento di Lucia Javorcekova.

 

Una donna speciale, che si fece ricordare per una serie di qualità innate. Partendo da un nome con una pronuncia talmente improbabile che, per riuscire a dirlo correttamente, l’abbiamo confuso con diverse bestemmie altisonanti. Così tante bestemmie che fummo scomunicati immediatamente dalla chiesa cattolica. Appena la notammo, fu subito amore. E uscì il primo post dove lei fu il soggetto principale, e con un po’ di sano supporto, le masse si spostarono inesorabilmente verso la pagina della modella. Emily “Ctrl+v” Ratajkowski abdicò. Era il 10 Ottobre 2015.

Il primo post storico.

La chiamata alle armi che condusse gli utenti in battaglia.

Gli utenti, estasiati e vogliosi di ricostruirsi una vita dopo la delusione amorosa con Emily, non dubitarono neanche per un secondo delle doti di Lucia. E al grido di “Escile”, compirono il miracolo. La pagina della modella passò da diecimila a duecentomila fan, nel giro di soli due giorni. Il successo era ormai annunciato. I problemi alla vista, anche. Gli oculisti conobbero il loro periodo d’oro, la vendita di attrezzature di sostegno per ciechi toccò picchi mai visti prima, e le innumerevoli adozioni di cani guida risollevarono il morale degli animalisti di tutto il mondo.

La naturale conseguenza dei fatti accaduti, fu che Lucia si recò in Italia per la sua prima serata ad Alba, dove abbiamo avuto il piacere di conoscerla. E no, non avevamo un S7 orizzontale in tasca, eravamo solo felici di vederla. Ad oggi, l’abbiamo un po’ persa di vista. Non per mancanza di contatti, ma perché stiamo ancora aspettando la sostituzione dei vecchi bulbi oculari con quelli nuovi fiammanti.

 

Una storia davvero affascinante ed improbabile, ma che sarebbe soltanto un comune involucro se la vostra memorabilità non fosse arrivata a livelli sovrannaturali. Lucia ha avuto la sua parte, ora è tempo della vostra. Ecco alcune che immagini che mostrano con che facilità è stato possibile partorire perle di inaudita finezza. Noi, nel frattempo, continuiamo la ricerca delle 5 sfere del drago rimanenti. A voi, gloriosi soldati:


MA, SOPRATTUTTO, FIDATI E VAI QUI: LE MODELLE RUSSE FOTOGRAFATE SULLO STILE DI “FOLLOW ME” DA PERDITA IMMEDIATA DI DIOTTRIE

ARRIVATO A QUESTO PUNTO, NON PUOI PIU’ TIRARTI INDIETRO. CLICCA E GUARDA IMMEDIATAMENTE Sesso e memorabilità, quando le cose si fanno bollenti. TANTO LE DIOTTRIE ORMAI TE LE SEI GIA’ GIOCATE.

BONUS:

A volte, le immagini sono talmente belle e memorabili da non aver bisogno di commenti.

ARRIVATO A QUESTO PUNTO, NON PUOI PIU’ TIRARTI INDIETRO. CLICCA E GUARDA IMMEDIATAMENTE Sesso e memorabilità, quando le cose si fanno bollenti. TANTO LE DIOTTRIE ORMAI TE LE SEI GIA’ GIOCATE.

MA, SOPRATTUTTO, FIDATI E VAI QUI: LE MODELLE RUSSE FOTOGRAFATE SULLO STILE DI “FOLLOW ME” DA PERDITA IMMEDIATA DI DIOTTRIE

 

Comments

comments

Articoli correlati