Magneto, la proteina in grado di controllare a distanza il cervello

Commenti Memorabili CM

Magneto, la proteina in grado di controllare a distanza il cervello

| 20/06/2021
Fonte: Facebook

Parliamo di magnetogenetica

  • La magnetogenetica è una tecnica che attraverso campi magnetici riesce a controllare le cellule
  •  Magneto è il frutto di questi studi, una proteina in grado di controllare il cervello a distanza
  • La ricerca è stata pubblicata su diverse riviste tra cui The Guardian nel 2016
  • La proteina viene fusa dagli scienziati al DNA e questa e altre stranezze hanno acceso la fantasia di molti, riportando in voga l’articolo
  • Lo studio è però molto interessante perché riesce a dimostrare delle cose che sembrano reali sono nei film di fantascienza

 

L’ingegneria genetica ha inventato Magneto, una proteina magnetizzata che è in grado di controllare a distanza il cervello. Questo è possibile attivando una serie di cellule nervose.

Si tratta di uno dei numerosi esperimenti che gli scienziati hanno provato per controllare a distanza gruppi specifici di neuroni. I metodi sperimentati fino a ora sono l’optogenetica e la chemiogenetica. La prima, permette di accendere e spegnere determinati gruppi di neuroni; la seconda utilizza proteine ingegnerizzate che sono mirate ad alcune tipologie di cellule.

La proteina Magneto è conosciuta soprattutto grazie a un articolo del The Guardian del 2016. Vi chiederete perché allora ne parliamo solo nel 2021. La risposta è semplice: i più complottisti hanno visto delle similitudini con il Covid-19 o con i vaccini RNA. E quindi da noi la notizia di questa proteina incredibile si è diffusa soltanto adesso.

Cos’è Magneto, la proteina in grado di controllare il cervello

Questa è stata sviluppata nel laboratorio di Ali Güler presso l’Università della Virginia a Charlottesville. Si tratta di un metodo per nulla invasivo e assolutamente reversibile. Già utilizzata per regolare i livelli di glucosio nei topi, la proteina TRPV4 è sensibile alla temperatura e al cambio di trazione. Questi due stimoli aprono il suo poro centrale, permettendo alla corrente elettrica di fluire attraverso la membrana cellulare.

Questo evoca impulsi nervosi che viaggiano nel midollo spinale e poi fino al cervello. Gli scienziati, grazie all’ingegneria genetica, hanno fuso la proteina con la ferritina e brevi sequenze di DNA. Poi, introducendo questo costrutto genetico nell’uomo, hanno osservato che le cellule sintetizzano la proteina e la inseriscono nella loro membrana.

La sequenza del DNA Magneto è stata successivamente inserita in un virus, insieme a una sostanza verde fluorescente ben visibile. Infine il virus è stato iniettato nei topi. In questo modo gli scienziati sono stati in grado di osservare quanto i campi magnetici fossero in grado di attivare impulsi nervosi. Il secondo esperimento è stato fatto sulle larve di pesce zebra, mirando ai neuroni del torso e della coda che controllano una risposta di fuga. Inserendo le larve all’interno di un acquario magnetizzato, l’esposizione a un campo magnetico le faceva rispondere con manovre simili alle risposte di fuga.

Leggi anche: Lo dice la scienza: l’essere umano ha acquisito intelligenza ed astuzia dopo l’estinzione di grandi animali

La magnetogenetica è una pratica così particolare da accendere inevitabilmente la fantasia di tutti. Però è anche uno strumento ancora in fase di studi ma che può aiutare i neuroscienziati a comprendere qualcosa di cui ancora non siamo del tutto a conoscenza: il nostro cervello.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend