Caccia ai “Vampiri”: nove persone brutalmente uccise in Malawi

  • Share

Persone sospettate di essere vampiri vengono brutalmente uccise in Malawi. No non siamo nel medioevo. Siamo nel 2018.

Dalle voci, al sospetto. Dal sospetto all’isteria collettiva. Dall’isteria alla “Caccia al Vampiro”. E’ accaduto in Malawi dove la paura della presunta presenza di vampiri nella comunità si è trasformata in un’ondata di missioni omicide contro poveri innocenti sospettati di Vampirismo.

Da metà settembre 2017 ad oggi, sono stati uccisi almeno nove persone sospettate di essere Vampiri. Il fenomeno non ha coinvolto solo i piccoli villaggi, ma anche grandi città come Blantyre, la seconda città più grande del paese, dove sono state assassinate due persone: le vittime sono state lapidate e arse vive.

La polizia ha arrestato oltre 140 persone in connessione con questi “cacciatori di vampiri”, che si sono messi a cacciare individui accusandoli di essere vampiri e di succhiare il sangue degli innocenti.
Le autorità ritengono che le voci dei vampiri abbiano avuto origine nel vicino Mozambico, dove la paura dei vampiri aveva già portato alla violenza in passato.

Molti medici sia locali, sia europei in missione umanitaria, sono a rischio a causa dell’uso di stetoscopi, strumento per succhiare il sangue secondo i cacciatori di vampiri. Molti dottori sono stati attaccati e derubati dei loro strumenti durante corse in ospedale in ambulanza.

Comments

comments

Articoli correlati