Marta Grossi: il lavandino come tela per combattere l’ansia da coronavirus e godersi il “qui ed ora”

Commenti Memorabili CM

Marta Grossi: il lavandino come tela per combattere l’ansia da coronavirus e godersi il “qui ed ora”

| 30/06/2020
Marta Grossi: il lavandino come tela per combattere l’ansia da coronavirus e godersi il “qui ed ora”

Marta Grossi ed il lavandino come tela per esorcizzare la pandemia e sentirsi di nuovo se stessi.

  • Marta Grossi è un’artista ed una direttrice creativa che durante la quarantena ha lavorato ad un progetto molto particolare
  • Utilizzare il lavandino come fosse una tela per realizzare meravigliose ma effimere opere d’arte
  • Ogni giorno un nuovo soggetto, nei colori traslucidi sopra la porcellana
  • Un progetto in grado di risollevare il morale non solo a se stessa ma anche ai numerosi follower online
  • Perché proprio il lavandino? Per esorcizzare il gesto meccanico del lavarsi le mani, insieme alla volontà di godersi il momento con un’arte focalizzata sul “qui e ora”

Cosa fare quando ci si trova bloccati in una città che non è la nostra, con soli alcuni bagagli ed una scatolina di acquerelli da viaggio? Durante la quarantena in moltissimi son finiti per esaurire quelli che non erano beni di prima necessità, ritrovandosi sprovvisti di cose come libri, stoffe o tele. Dopotutto non si vive di soli bisogni primari ed anche gli hobby possono rivelarsi dei grandi alleati durante i duri momenti di stress. Lo sa bene Marta Grossi che ritrovatasi a Milano lontana dalla propria famiglia, ha deciso di mantenersi sana di mente mettendo in piedi un progetto creativo decisamente fuori dagli schemi.

View this post on Instagram

🧼🚰 -Wash your hands and keep creative series- I missed this, so I have something for you again . On March 8th,2020 – I found myself quarantined in Milan, where I previously came for a temporary time and working projects. Now I am locked here alone – in a home that is not mine – and unable to come back to my family. Working as creative director and artist is pushing me to use my creativity to stay mentally and physically healthy. A form of therapy and the best way I have to cope with anxiety and the global pandemic that is affecting our world. Now more than ever we need to stay positive and to find beauty even in the unexpected places. Few weeks ago I thought about the perception of things, about how many times we are reminded to wash our hands since we met the corona virus. The sinks of all the world are now becoming silent companions, we look out every day – and under this tragic circumstances – a simple piece of furniture is changing in front of our eyes. Since we are all locked inside, I use my imagination to see spring, flowers, nature and organic elements popping out of and surround my quarantine. The sink of this apartment is now my temporary canvas, at first it started as a necessity because I finished all of my drawing papers. Every day I paint with watercolors a new subject and after 24 hours I let the water destroy the art piece, and that reminds me that life is beautiful even in the ugly, scary and the unknown. I use my iPhone to record some short videos, and then I play them reverse to see how the effect of the water is affecting the colors. This is the message I want to give and share: to see the same things with different eyes. To be strong and to appreciate simple little things. I am with you, we are all in this together. Creativity will never stop. Love, Marta Creativity will never stop Images from @martabunny painted with watercolours #illustration #love #coronavirus #watercolorpainting #kawaii #kawaii #watercolourart #flowersofinstagram #watercolours #covid #covid19 #quarantineartclub #quarantineart #artofinstagram #nature #flowers #washyourhands #sink #artwork #painting #watercolour_daily #asia #saatchitakeover #magnolia

A post shared by Marta Grossi (@martabunny) on

La mancanza di una tela canonica ha spinto Marta Grossi a sperimentare con la pittura direttamente all’interno del proprio lavandino. Quale superficie migliore della scintillante ceramica bianca? “L’ispirazione è venuta dalla mia quarantena e dal blocco forzato”, ha raccontato l’artista alle penne di Bored Panda. Marta, direttrice creativa ed artista, era in trasferta a Milano quando si è ritrovata improvvisamente bloccata in una città diversa dalla propria. “Avevo terminato qualsiasi supporto per i disegni, in quanto bloccata a Milano dov’ero venuta temporaneamente per alcuni progetti di lavoro”. Ma l’artista non si è di certo persa d’animo.

“Con me avevo solo bagagli con alcuni vestiti e un set di acquerelli tascabili”, ha raccontato Marta Grossi.

Il progetto artistico denominato “Lavati le mani e mantieni la creatività”, per l’artista è stato come “commissionato dal Covid”. Quello che probabilmente non sarebbe nato in circostanze diverse da una pandemia globale, si è rivelato per Marta un progetto a tutti gli effetti. È stato altresì in grado di ridare speranza e bellezza a tutti coloro che durante la quarantena aspettavano con trepidazione un nuovo lavoro all’interno del lavabo. “Mi sono resa conto che la creatività non stava solo aiutando me, ma soprattutto le persone intorno a me”. E tra fiori, arcobaleni ed animali, la motivazione dietro la scelta del lavandino è tanto immediata quanto interessante.

View this post on Instagram

🧼🚰 -Wash your hands and keep creative series- . . On March 8th,2020 – I found myself quarantined in Milan, where I previously came for a temporary time and working projects. Now I am locked here alone – in a home that is not mine – and unable to come back to my family. Working as creative director and artist is pushing me to use my creativity to stay mentally and physically healthy. A form of therapy and the best way I have to cope with anxiety and the global pandemic that is affecting our world. Now more than ever we need to stay positive and to find beauty even in the unexpected places. Few weeks ago I thought about the perception of things, about how many times we are reminded to wash our hands since we met the corona virus. The sinks of all the world are now becoming silent companions, we look out every day – and under this tragic circumstances – a simple piece of furniture is changing in front of our eyes. Since we are all locked inside, I use my imagination to see spring, flowers, nature and organic elements popping out of and surround my quarantine. The sink of this apartment is now my temporary canvas, at first it started as a necessity because I finished all of my drawing papers. Every day I paint with watercolors a new subject and after 24 hours I let the water destroy the art piece, and that reminds me that life is beautiful even in the ugly, scary and the unknown. I use my iPhone to record some short videos, and then I play them reverse to see how the effect of the water is affecting the colors. This is the message I want to give and share: to see the same things with different eyes. To be strong and to appreciate simple little things. I am with you, we are all in this together. Creativity will never stop. Love, Marta Creativity will never stop Images from @martabunny painted with watercolours #illustration #love #coronavirus #watercolorpainting #hongkong #kawaii #watercolourart #china #watercolours #covid #covid19 #quarantineartclub #quarantineart #artofinstagram #nature #easter #washyourhands #sink #artwork #painting #watercolour_daily #asia #saatchitakeover #creativexgigi

A post shared by Marta Grossi (@martabunny) on

Il lavandino è stato nostro migliore amico durante la quarantena. Luogo fisico e mentale dove abbiamo trascorso innumerevoli ore a lavarci ripetutamente le mani, più e più volte al giorno, per Marta andava in qualche modo esorcizzato. “Ho iniziato a detestare il lavandino perché lavarmi le mani era diventata un’azione meccanica e aveva sottolineato come la paura e l’ansia stessero crescendo rapidamente ovunque”. Non c’è modo migliore di cancellare la paura a suon di pennellate. E poi, l’arte nel lavandino è temporanea, fugace come un battito di ciglia. “Vivi il presente, goditi il momento, apprezza il contenuto”. Mai vi furono parole più sagge in vista di un domani tanto incerto.

Leggi anche: ArtActivistBarbie: l’attivista che si batte per il sessismo nell’arte a colpi di bambole

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend